22.8 C
Napoli
giovedì, 23 Maggio 2024
  • Un Gran Premio d’Italia da dimenticare per Rossi

    Era uno dei Gran Premi più attesi della stagione 2016 del Campionato Mondiale MotoGP , il circuito del Mugello , con la sua velocità affascina e coinvolge pubblico e piloti, purtroppo resta anche un triste ricordo per un Campione del Mondo del calibro di Valentino Rossi . 

    Aveva dimostrato di esser velocissimo sin dalle prime libere, conquistando la pole position nelle qualifiche ( la seconda nella stagione), Valentino Rossi , al Mugello , era destinato a vincere e ad accorciare il suo gap nella classfica piloti, da Jorge Lorenzo, ed invece qualcosa non ha funzionato come si deve. 

    Il circuito del Mugello, con i suoi oltre 5 km di lunghezza, è una pista impegnativa per pilota e moto, le forti accelerazioni si accompagnano a staccate improvvise, sul rettilineo si superano con enorme facilità i 330 km/h per poi arrivare a frenare alla prima curva, da qui le sollecitazione al motore e ciclistica delle moto . 

    Nel warm up era andato in fumo il motore di Jorge Lorenzo ma questa volta, durante la gara, nulla doveva andare contro corrente, c'era spazio solo per la bagarre leale tra piloti, e per i decimi di secondo che li separavano.

    A fine gara, Valentino Rossi dichiarerà la sua delusione non solo per un podio mandato in frantumi ma anche per un distacco da Jorge Lorenzo e Marc Marquez, oramai divenuto importante. Il nove volte Campione del Mondo era partito benissimo, si trovava alle spalle di Jorge Lorenzo, primo, ma dimostrava giro dopo giro di poterlo prendere e volare verso la vittoria. 

    Jorge Lorenzo dimostrerà la sua velocità e costanza di rendimento, Marc Marquez la sua costanza e tenacia nel riprendire l'avversario, ma Valentino Rossi è fuori dai giochi . 

    Valentino Rossi : “Un vero peccato, è sempre una grande delusione quando si è vittima di problemi meccanici e qui al Mugello ancora di più perché si è costretti al ritiro davanti al proprio pubblico ". 

    a cura di Marco Lasala

     

     

     

     

     

    Articolo precedente
    Articolo successivo

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie