Ricambi auto

CNA Autoriparazione non molla la partita sulle revisioni auto

CNA Autoriparazione non molla la partita sulle revisioni auto. Campo su cui l’Associazione di categoria chiede maggiori e più efficaci controlli per gli operatori del settore nonchè un urgente adeguamento delle tariffe agli indici Istat.. Una mission su cui sta ora lavorando Riccardo Nencini, vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, a seguito di un recente summit istituzionale avuto con la Confederazione che rappresenta officine meccanichecarrozzieri e centri di revisione. Intanto CNA Autoriparazione, non solo sta continuando la sua opera di dialogo con le imprese del settore sul tema delle revisioni, ma sta anche analizzando in prospettiva la nuova direttiva 2014/45 dell’Unione Europea che, in sostanza, ha l’obiettivo di contribuire alla drastica riduzione della mortalità sulla strada mediante, anche, una corretta manutenzione del veicolo. “Sembrebbe – dice in proposito Antonella Grasso, responsabile nazionale di CNA Autoriparazione – che ci sia un’inclinazione a scindere chi fa la riparazione da chi è adibito al controllo dell’auto. In più, dovrebbe essere coniata la figura dell’ispettore, ovvero l’attuale responsabile tecnico di oggi. Una professionalità super partes con alle spalle una formazione qualificata per svolgere il suo compito. Staremo comunque a vedere e a monitorare l’evolversi dell’intera situazione, attualmente in fase di evoluzione”. Stefano Belfiore

Commenta