25.7 C
Napoli
sabato, 13 Aprile 2024
  • Da ottobre 2003 ad oggi le case automobilistiche hanno ridotto i listini prezzi

    Da ottobre 2003 ad oggi le case automobilistiche hanno ridotto i listini prezzi dei ricambi per i concessionari del 3%. Il dato deriva da una stima eseguita dall’Osservatorio Autopromotec, struttura di ricerca della più importante rassegna espositiva di prodotti e attrezzature per autofficina la cui prossima edizione si svolgerà dal 18 al 22 maggio 2005 alla fiera di Bologna.

    Il calo dei prezzi dei ricambi per i concessionari deriva anche dal fatto che nell’ottobre scorso è diventata operativa la nuova regolamentazione europea sulla distribuzione e l’assistenza agli autoveicoli. Le nuove regole prevedono una effettiva liberalizzazione per il mercato dei ricambi, consentendo agli autoriparatori appartenenti alle reti ufficiali di utilizzare anche ricambi “non originali”, perché di qualità corrispondente a quella dei ricambi “originali”.

    Questa situazione dovrebbe permettere ai produttori di componenti e di ricambi per auto di vendere in misura maggiore che non in passato direttamente alle reti di assistenza ufficiali, oltre che agli autoriparatori indipendenti. E, come il dato citato più sopra, dimostra che l’apertura del mercato ha già avuto effetti positivi sui prezzi.
    D’altra parte, sottolinea l’Osservatorio Autopromotec, la liberalizzazione dei ricambi non è l’unico riflesso significativo della nuova normativa europea sul mercato dell’assistenza auto. Particolare importanza ha anche il fatto che le nuove regole hanno ribadito, e meglio definito, rispetto al passato il diritto degli autoriparatori indipendenti ad ottenere dalle case automobilistiche formazione, software e schemi tecnici necessari per intervenire su qualsiasi autoveicolo. Le nuove regole introdotte dall’Unione Europea stanno affermandosi con gradualità, ma il settore dell’autoriparazione è già investito da un profondo processo di riorganizzazione che offre opportunità interessanti sia per gli autoriparatori appartenti alle reti ufficiali di assistenza che per quelli indipendenti.

    Operare sul mercato dell’autoriparazione sta però diventando sempre più complesso. L’innovazione tecnologica, che negli ultimi anni ha profondamente modificato l’automobile per quanto riguarda i motori, il comfort, i dispositivi di sicurezza, il contenimento delle emissioni inquinanti e l’infomobilità, sta infatti comportando la necessità per gli operatori che vogliono rimanere sul mercato e cogliere le nuove opportunità che si presentano di dotarsi di attrezzature più sofisticate, di affrontare con continuità programmi di formazione del personale e di monitorare con attenzione tutte le nuove soluzioni messe a punto per operare in condizioni ottimali. E per questi motivi che il settore dell’autoriparazione attende con particolare interesse Autopromotec 2005 in cui sarà possibile prendere diretto contatto con tutta la realtà dell’autoriparazione, compresi per la prima volta i ricambi ed in particolare con quanto di meglio e di più innovativo sta maturando per rendere l’attività di assistenza più efficiente e remunerativa

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie