Inforicambi

Ricambi auto

Ma dove vai se gli pneumatici invernali non ce l'hai!

Martedì 15 novembre entra in vigore (fino al 15 aprile 2017) l’obbligo di montare pneumatici invernali o avere a bordo catene da neve. Guidare in condizioni generali di maltempo, necessita avere un’auto manutentata e sicura. Anche per quanto concerne le gomme al fine di avere e di assicurare una massima aderenza su fondi stradali bagnati o ghiacciati.

 

Pneumatici invernali: simboli e sigle

Innanzitutto si raccomanda l’utilizzo di pneumatici invernali su tutte le ruote. Per quanto riguarda poi le icone che identificano un treno di gomme invernali, la marcatura specifica è “M+S” (ma anche M&S e M.S.) nonchè uno specifico pittogramma alpino (un fiocco di neve).

 

Cosa prevede la legge

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti  ha emanato nel 2013 un’apposita direttiva che disciplina la circolazione su strada nel periodo invernale o in caso di emergenza neve. “Fuori dai centri abitati, lungo le strade frequentemente interessate da precipitazioni nevose e fenomeni di pioggia ghiacciata (freezing rain) nel periodo invernale, gli enti proprietari o concessionari di strade possono (ai sensi dell’articolo 6, comma 4, lettera e), del decreto legislativo n. 285/1992 – si legge nella circolare ministeriale - prescrivere che i veicoli a motore, esclusi i ciclomotori a due ruote e i motocicli, siano muniti di pneumatici invernali ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli idonei alla marcia su neve e ghiaccio”. Le singole ordinanze prescritte dai Comuni sull’obbligo dei pneumatici invernali sono visionabili dal sito di Pneumatici Sotto Controllo.

 

Chi non rispetta la legge

Come per le cinture di sicurezza e i freni, la non omologazione delle gomme è sanzionata con un’ammenda di 5 volte più alta rispetto ad altri equipaggiamenti del veicolo. Il tutto a testimonianza del il suo fondamentale contributo alla circolazione in sicurezza. Le sanzioni, pertanto, per chi non rispetta tale obbligo sono molto severe. Scatta una multa che oscilla da  un minimo di 419 euro ad un massimo di 1682 euro. Questo dal punto vista economico. A ciò può sommarsi anche il ritiro del libretto di circolazione. Qualora, poi, dovesse verificarsi un sinistro stradale (nel periodo temporale interessato in vui vige la normativa), l’assicurazione dell’auto che non monta gomme invernali può anche scegliere di non retribuire i  danni causati dall’incidente.

Ma gli italiani come affrontano il cambio gomme?

Ma gli automobilisti italiani come si comportano in occasione del passaggio agli pneumatici invernali? Insomma come affrontano il cambio gomme? A queste 2 domande risponde il sondaggio di  Norstat, commissionato da 123gomme.it. I risultati sono diversi ed eterogenei. Il 18 per cento degli italiani, di cui quasi il 30 per cento laureati e il 13 per centi di chi, tra gli intervistati, risiede al Nord, ritiene che nella maggior parte delle regioni della non occorra passare alle gomme invernali: pertanto  non effettuerà il cambio gomme. A questo 18 per cento si aggiunge chi ha ha scelto per le gomme quattro stagioni in precedenza: ossia il 33 per cento degli intervistati. Il 49 per cento passerà alle gomme invernali. Tra questi, il 13 per cento ha dichiarato di dover acquistare nuovi pneumatici invernali e il 40 per cento che lo fa perché preferisce evitare problemi con l’assicurazione o la polizia.

 

Officina e o fai da te?

In generale il cambio gomme, indipendentemente dal periodo dell’anno, è gestito in modo quasi compatto attraverso l’autofficina di fiducia, (lo sceglie l’82% degli intervistati), di cui però il 20 per cento acquista gli pneumatici online e li immagazzina autonomamente. Il restante 18 per cento degli intervistati, di cui 1 su 3 ricopre ruoli dirigenziali, le monta da solo. Meraviglia anche il fatto che il 57 per cento di chi preferisce il “fai da te”, acquista gli pneumatici in officina.

 

Si acquista sul web

Per quanto riguarda l’acquisto, il 18 per cento degli intervistati preferisce avvalersi di piattaforme online. Di questi, la stragrande maggioranza (88%) va in officina per il montaggio, dove viene reimpostata anche la convergenza. Fronte su cui punta, ad esempio, Stahlwille . Il produttore tedesco di utensili consiglia infatti sulla sua brandpage di Facebook di non dimenticare di  di effettuare il serraggio giusto con l'utensile giusto nel momento in cui si cambiano le gomme. Stef.Belf.

 

 

 

Commenta