Ricambi auto

Automotive: i meccanici super protagonisti!

L’autoriparazione rappresenta un anello importante nella filiera nazionale automotive. Già l’ufficio studi di Confartigianato ebbe modo di evidenziare in occasione dell’Aftermarket Lab a Salerno,  lo spessore del comparto. Confermato ora dal report di Federmotorizzazione e Confcommercio Mobilità presentato all’interno del Motor Show di Bologna.

Nell’automotive l’80% sono meccanici

Le aziende del commercio automotive operanti in Italia sono circa 130mila: il 3,6 per cento del totale delle aziende attive su scala nazionale. Per l’80 per cento si tratta di riparatori e altro, mentre il 20 per cento è rappresentato da rivenditori che in termini di fatturato valgono però l’83 per cento del comparto. I rivenditori sono 25.154 (di questi oltre 21mila vendono autovetture, i restanti moto e ciclomotori), mentre i riparatori superano le 104mila unità (79mila le officine). Considerando le 130mila imprese, oltre l’86 per cento è costituito da aziende che hanno non più di 5  addetti mentre solo l’1,3 per cento può contare su una forza lavoro compresa fra 20 e 49 addetti.

 

Cresce la fiducia

Il sentiment delle imprese automotive è in leggera crescita e nel secondo semestre del 2016 passa da 39,7 a 40,0. Ad essere più ottimisti sono i rivenditori (44,7). Secondo gli analisti, il clima di fiducia positivo è collegato in buona parte alla ripresa delle immatricolazioni auto (+8,2% stima 2016) che sta generando un significativo aumento dei ricavi al quale, tuttavia, corrisponde ancora una marginalità molto modesta. 

Commenta