15.9 C
Napoli
giovedì, 29 Febbraio 2024
  • Legge di Bilancio 2018, l’aftermarket e il salto di qualità

    La Legge di Bilancio 2018 si avvia ormai all’approvazione definitiva del Parlamento. Tante le novità, tra incentivi ed agevolazioni, che possono far fare il salto di qualità all’aftermarket nazionale. Ecco uno schema di sintesi, proposto da Confartigianato, che riassume i provvedimenti più importanti della manovra economica e il loro impatto sulle imprese.

    Nuova Sabatini

    Industria 4.0Rifinanziata la “Nuova Sabatini” con 550 milioni tra il 2018 e il 2023. Così dovrebbe essere garantita continuità per tutto il 2018 alla misura che facilita gli investimenti in beni strumentali attraverso finanziamenti a tassi agevolati. Almeno il 30 per cento dei fondi è destinato all’acquisto di tecnologie per la manifattura digitale che rientrano nella definizione di Industria 4.0 quali big data, cloud computing, robotica e meccatronica.

    Agevolazioni per assunzioni a tempo indeterminato

    Previsto un esonero contributivo del 100 per cento, nel 2018, per neo assunti, entro i 35 anni di età, nelle regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna).Il provvedimento si applica anche ai neo assunti con età superiore a 35 anni purché privi di un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi. L’esonero spetta anche in caso di assunzioni in apprendistato.

    Credito d’imposta per la formazione

    formazione professionaleE’  riconosciuto per le spese relative al costo aziendale del personale dipendente per il periodo in cui viene occupato in attività di formazione svolte per acquisire o consolidare le conoscenze delle tecnologie previste dal Piano Nazionale Impresa 4.0.

    Finanziamenti per formazione e apprendistato

    Sono previsti stanziamenti, a decorrere dal 2018, per i percorsi di istruzione e formazione professionale, per il finanziamento dei percorsi formativi relativi ai contratti di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale e all'alternanza scuola – lavoro nonché per le attività di formazione relative all’apprendistato professionalizzante.

     

    Incentivi per l’occupazione stabile

    Occupazione ed incentiviPer le assunzioni a tempo indeterminato con contratto a tutele crescenti effettuate a decorrere dal 1° gennaio 2018 è riconosciuto l’esonero dal versamento del 50 per cento dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con esclusione dei premi e contributi Inail.

     

     

    Formazione tecnica

    La norma incrementa le risorse destinate al finanziamento del sistema degli ITS. 65 i milioni di euro così suddivisi:  10 milioni per il 2018, 20 Mmilioni per il 2019 e 35 a decorrere dal 2020.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie