Automotive

Rivoluzione auto, un solo documento per guidare

Sarà una piccola (ma sempre utile) boccata d’ossigeno per gli automobilisti italiani. Perché consentirà un risparmio di 39 euro. Parliamo del libretto di circolazione e del certificato di proprietà dell'auto. Entrambi non esisteranno più singolarmente. Ma confluiranno in un solo ed unico documento. Ad annunciarlo, come riporta l’Ansa, è Riccardo Nencini, viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Un’integrazione, rientrante nella cornice della riforma della Pubblica Amministrazione, che genererà un risparmio economico visto che per ogni istruttoria di immatricolazione o passaggio di proprietà si pagheranno 61 euro contro i 100 euro di oggi. L’integrazione tra libretto di circolazione (Aci) e certificato di proprietà dell'auto (emesso dalla Motorizzazione Civile) è ora al vaglio dei ministeri della Pubblica amministrazione e dell’Economia. Il testo è dunque sul tavolo del Governo  e nel caso in cui dovesse esser valutato positivamente (venerdì 24 febbraio dovrebbe essere prevista l'approvazione della riforma), lo sconto derivante dal foglio unico scatterebbe dal prossimo anno.

 

Commenta