29.2 C
Napoli
mercoledì, 24 Luglio 2024
  • 5 motivi per cui devi cambiare regolarmente i filtri dell’aria della tua auto

    Filtri dell'aria auto

    Tra le componenti fondamentali delle nostre autovetture, troviamo senza dubbio il filtro aria, noto per essere una delle attività fondamentali per il buon funzionamento di un motore. Come si fa a capire allora quando il filtro d’aria è da cambiare?

    Ogni filtro aria auto è posizionato sulla testata del motore, appunto, in una scatola di plastica, a esso agganciata attraverso delle viti, che ne permette facilmente l’estrazione e il cambio. La scatola è rigorosamente ermetica, tale da non permettere l’infiltrazione di materiale proveniente dall’esterno, e ciò è ottenuto attraverso l’uso di una gomma siliconata che fissa il suo bordo alla parte del motore cui è agganciata.

    La forma del filtro aria è di solito rettangolare, ma possono anche essere cilindrici o conici, come nel caso delle moto o delle auto sportive che montano filtri di tipo diverso.

    L’aspetto è quello di una piastra grigliata composta di materiale leggero e poroso che permette appunto di filtrare i materiali, divisa in piccole feritoie tali da permettere la cattura di materiale polveroso, pulviscoli e detriti provenienti dall’esterno.

    L’aria favorisce sicuramente la buona prestazione del motore, o, meglio, dell’auto, secondo il punto di vista del guidatore: il veicolo, infatti, viaggia con la giusta potenza ed energia, i consumi sono, di conseguenza, contenuti, e la sicurezza stradale è maggiormente garantita.

    Quali sono i sintomi di un filtro dell’aria sporco o in deterioramento? 

    Se è il caso di fare una sostituzione o cambio del filtro dell’aria basta osservare i sintomi del filtro stesso. Questo infatti è sporco o in deterioramento se presenta uno di questi sintomi:

    • rumore di intasamento al momento dell’accensione
    • rallentamento e scarsa potenza del motore in corsa
    • tempi lunghi di accensione e rumore “graffiante” del motorino di avviamento costretto allo sforzo
    • emissione di gas di scarico neri e maleodoranti
    • sensibile aumento del consumo di carburante
    • surriscaldamento del motore.

    In questi casi sarà importante individuare immediatamente le condizioni del filtro: può risultare rotto, oppure molto sporco e intasato da qualche detrito, fuoriuscito dai binari per svitamento della scatola, o addirittura bagnato da acqua od olio.

    In ogni caso, il filtro aria può essere intanto scrollato soffiandoci sopra per smuovere il materiale inquinante, quindi decidere di cambiarlo in un momento successivo ma comunque al più presto. La prassi ormai consolidata vuole che il filtro dell’aria sia cambiato con una frequenza almeno semestrale per far sì che il motore sia “pulito” e abbia un buon rendimento.

    Perché cambiare regolarmente i filtri dell’aria auto conviene? 5 motivi

     Cambiare regolarmente i filtri dell’aria auto conviene per 5 ragioni:

    • risparmio del carburante: un filtro dell’aria sporco non consente all’aria di penetrare nel motore. Il motore ha bisogno di aria per funzionare in modo efficiente. Una quantità ridotta di aria significa che il motore deve utilizzare più carburante per ottenere la stessa combustione che avrebbe con un filtro pulito
    • durata del motore prolungata: i motori sono grandi e potenti, ma possono essere sorprendentemente sensibili al più piccolo granello di sabbia. Nel tempo, sporco e altre particelle possono causare seri danni alle parti interne del motore
    • emissioni ridotte: il flusso d’aria ridotto può interferire con i sistemi di controllo delle emissioni della tua auto, causando la fuoriuscita di altre sostanze nocive nell’atmosfera
    • evitare intasamenti di valvole e iniettori: un filtro dell’aria sempre funzionante al massimo delle proprie possibilità permetterà alle valvole e agli iniettori presenti un lavoro migliore e anche una maggiore durata
    • migliorare la guida: con il perfetto funzionamento dei filtri aria della nostra autovettura, si godrà anche di una migliore esperienza di guida. Dell’ottimo funzionamento del motore potrà beneficiare anche e soprattutto l’automobilista meno esperto che si ritroverà tra le mani un’auto “educata” e pronta a ogni situazione.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie