Automotive

PSA acquista Opel: da oggi sarà il secondo gruppo europeo

Da Parigi arriva un importante ed atteso annuncio che va a ridisegnare il mercato automobilistico europeo: il gruppo francese PSA (proprietario dei marchi Peugeot, Citroën e DS) ha infatti acquistato, per un totale di 2,2 miliardi di euro, i marchi Opel e Vauxhall da GM. E questo avvenimento ha ripercussioni importanti, posizionerà infatti il gruppo parigino al secondo posto in Europa, alle spalle solo di Volkswagen, con una quota di mercato del 17 per cento. Altra conseguenza della transazione è il disimpegno dell’americana GM che abbandona il mercato europeo dopo ben 88 anni.

La divisione europea di General Motors era costantemente in perdita dal 2000, con un deficit totale in questo lasso di tempo superiore ai 15 miliardi di euro (257 dei quali durante il 2016). Come sottolineato dal numero 1 del gruppo francese, Carlos Tavares, l’obiettivo “è quello di far tornare in attivo Opel/Vauxhall entro il 2020 con un margine operativo del 2 per cento entro il 2020 e del 6 per cento entro il 2026". Lo stesso Karl-Thomas Neumann, chairman di Opel, dopo aver evidenziato come, proprio nel 2016, “saremmo tornati in positivo se non ci fossero stati i costi monetari legati al Brexit” , ha twittato la propria soddisfazione per l’avvenuta transazione “Farò di tutto per garantire che @OpelGroup diventi più forte in futuro. Grazie a @GM per averci supportato per tutti questi anni”.

Ed è un’importante svolta per PSA, gruppo in grande difficoltà fino a pochi anni fa, con un 2012 chiuso con una perdita in bilancio di 5,01 miliardi di euro. Da quel momento il rilancio: dovuto alla sapiente guida del portoghese Tavares, alla guida del gruppo a partire dal 2014, nonché  all’ingresso di nuovi capitali, con l’acquisto del 14,1 per cento delle azioni da parte dei cinesi di Dongfeng motors e di una stessa quota da parte dello Stato francese, oggi azionisti di maggioranza alla pari della famiglia Peugeot. Ora l’ulteriore svolta con questa importante acquisizione.

Marco Ferazzoli

Commenta