Ricambi auto

Manutenzione ADAS: EGEA dà le linee guida

Manutenzione ADAS, EGEA dà le linee guidaManutenzione ADAS, le cose da sapere.

La sicurezza sulle strade dev’essere la primo posto e quindi anche le automobili più compatte sono ormai dotate di sistemi di assistenza alla guida: la manutenzione ADAS è quindi sempre più importante. Questi sistemi sono molto nuovi e coinvolgono componenti, come i radar e i LiDAR, che qualche decennio fa non erano collegati all’automotive per uso civile e che oggi sono importantissimi per la sicurezza delle auto. La calibrazione dei sensori ADAS è necessaria ogni volta che la ‘mira’ di un sensore è alterata e questo può avvenire dopo un urto, dopo la sostituzione del parabrezza, la riparazione delle sospensioni o l'allineamento delle ruote così come in caso di sostituzione/smontaggio del sensore stesso. In effetti è necessario calibrare gli ADAS anche se cambiano le dimensioni degli pneumatici, si apre un airbag anteriore (e quindi nelle vicinanze del parabrezza e dei sensori ad esso ancorati) o è presente un codice di errore diagnostico.

 

Preparare l’officina per la manutenzione ADAS

EGEA ricorda inoltre che le case automobilistiche raccomandano alle loro reti di assistenza di eseguire una scansione diagnostica completa su ogni veicolo prima di iniziare le riparazioni e di ripeterla a lavoro completato in modo da confermare che tutti i malfunzionamenti siano stati individuati e risolti. Le linee guida EGEA per la manutenzione ADAS comprendono anche la ‘preparazione’ dell’officina, che parte da informazioni precise riguardo l'attrezzatura e le procedure necessarie per calibrare i sensori ADAS per quel tipo di veicolo. I dati di calibrazione possono essere disponibili da fonti aftermarket ma a volte devono essere ottenuti dal costruttore. Anche gli strumenti di diagnosi devono essere adatti ai sensori ADAS: le diagnosi del produttore del veicolo sono generalmente in grado di gestire tutti i veicoli del marchio mentre quelli reperibili nel mercato del post vendita hanno capacità molto differenti fra loro, con alcuni che riescono a funzionare con veicoli e sensori di marchi diversi. Sono inoltre disponibili strumenti speciali progettati esclusivamente per l'allineamento dei sensori ADAS. Ricordiamo che Autopromotec dedica ampio spazio agli strumenti di diagnosi con Hella che dedica loro vari incontri.

 

Gli ambienti necessari per la manutenzione ADAS

Le linee guida di EGEA per la manutenzione ADAS danno informazioni anche sul layout dell’officina. È necessaria un'area interna pavimentata, con illuminazione non abbagliante e un ambiente ordinato e privo di grandi oggetti metallici, i cui ‘echi’ potrebbero disturbare la calibrazione dei radar. Alcune procedure di riparazione potrebbero richiedere l’esecuzione di un allineamento delle ruote prima della calibrazione dei sensori ADAS, in modo da garantire che le linea di spinta del veicolo e il sistema di sterzo siano allineati secondo le specifiche del produttore.

 

Predisporre il veicolo alla procedura di manutenzione ADAS

È anche necessario preparare il veicolo come precisato dalla casa automobilistica prima di tarare un sensore ADAS: le prescrizioni sono diverse ma alcuni aspetti sono comuni. Il carico deve rispettare le specifiche OEM e quindi non ci devono essere, per esempio, oggetti pesanti nell'automobile. Gli pneumatici devono essere gonfiati alla pressione consigliate, l’altezza dal suolo anteriore e posteriore deve rispettare le specifiche del costruttore e, nel caso di sensori posizionati dietro il parabrezza, occorrerà pulire accuratamente il parabrezza stesso. Alcune procedure prevedono la rimozione della copertura protettiva dal sensore radar mentre lo sterzo dovrà essere ben centrato. Ulteriore conferma dell’importanza dell’assetto prima della manutenzione ADAS viene dall’accordo fra Texa e Ravaglioli che integra le loro specifiche competenze. Altre informazioni utili sulla taratura, riparazione e manutenzione ADAS in un altro post di prossima pubblicazione.

 

Nicodemo Angì

Commenta