Ricambi auto

Come smaltire ricambi auto? Cosa sapere per agire al meglio

Come smaltire ricambi auto? Le cose da sapere per agire al meglioCome smaltire ricambi auto dopo una piccola riparazione.

Cambiare un filtro o le candele: operazioni semplici che però implicano il sapere come smaltire ricambi auto. Questi particolari ‘rifiuti’ vanno infatti eliminati secondo criteri che vanno rispettati per non impattare negativamente sull’ambiente, già attualmente piuttosto compromesso. La questione è molto attenzionata dall’aftermarket e anche la politica ha dimostrato sensibilità, proponendo per esempio un emendamento che vincola la Pubblica amministrazione ad acquistare almeno il 50% di pneumatici ricostruiti. Per smaltire ricambi auto in modo corretto una cosa da sapere è l’esistenza dei ‘Codici CER’, una classificazione europea assegnata ad ogni rifiuto in base alla composizione e al processo di provenienza. Essi sono stati recepiti dallo Stato italiano con il DLGS del 3 settembre 2020 e constano di 3 coppie di cifre numeriche.

 

I codici CER per smaltire ricambi auto

Le prime 2 cifre di questi codici sono macrofamiglie di materiali: la 16, per esempio, è costituita da ‘Rifiuti non specificati altrimenti nell'elenco’ mentre la 13 individua ‘Oli esauriti e residui di combustibili liquidi’  ma non gli oli commestibili che attengono a un’altra categoria. Le batterie al Piombo appartengono alla categoria 16 06 ‘batterie ed accumulatori’ e il loro codice CER completo è 16 06 01 mentre il codice 16 06 05 - ‘altre batterie ed accumulatori‘ – appare adatto per gli elementi al Litio, per recuperare i quali è nata una filiera italiana dedicata. Il condizionale è d’obbligo perché se per la normativa ambientale le pile al Litio si configurano come rifiuti speciali non pericolosi, non cessano comunque di essere merci pericolose per il trasporto. Appare quindi necessaria una modifica dei codici CER che tenga conto di questo per smaltire ricambi auto così particolari.

 

Smaltire ricambi auto di tipo comune

Se i battery pack delle auto elettriche non sono ancora così diffusi, non altrettanto si può dire di componenti ben più comuni quali gli pneumatici. Questi ingombranti rifiuti sono da tempo gestiti da consorzi che recuperano quelli fuori uso ma il sistema ha bisogno di correttivi per contrastare gli pneumatici venduti di straforo e quindi non tracciabili. Vediamo ora come smaltire ricambi auto piuttosto comuni come le pastiglie freno: essi non sono da considerarsi rifiuti pericolosi - il loro codice CER è 16 01 12- purché prive di amianto (se lo contengono esse sono classificate16 01 11) e sono quindi soggette alle normative per la selezione dei rifiuti metallici e plastici. I dischi freno sono smaltiti secondo le norme dei rottami metallici mentre la pompa del freno, le pinze e i cilindri ruota dei freni a tamburo sono classificati 16 01 22 (componenti non specificati altrimenti) e possono essere smaltiti come rottami metallici a condizione che siano stati svuotati del liquido freni, che ha il codice specifico 16 01 13. Il kit cinghia distribuzione + pompa acqua è considerato non pericoloso e soggetto alle norme per lo smistamento dei rifiuti in metallo, plastica e gomma a patto che la pompa non contenga liquido di raffreddammento. Diverso il discorso per le candele di accensione: anche se non considerate rifiuti pericolosi esse vanno consegnate ad un servizio specializzato o depositate in contenitori di riciclaggio adeguatamente etichettati; smaltirle nei rifiuti domestici è severamente vietato! Non è comunque difficile trovare le tabelle con i codici CER e quindi smaltire ricambi auto in maniera corretta.

 

Nicodemo Angì

 

Commenta