Lavoro ed Economia

Bonus rottamazione Euro 6, ossigeno per l’automotive dopo la pandemia

Bonus rottamazione Euro 6, ossigeno per l’automotive dopo la pandemiaL’automotive respira con il Bonus rottamazione Euro 6

La pandemia ha inferto un duro colpo all’automotive globale, con il 2020 che si preannuncia come un anno nero per il mercato auto. Il recupero appare faticoso e anche 2 velocità, con l’aftermarket che sembra più avanti in questo processo a livello internazionale. Sappiamo bene che anche gli OEM si stanno organizzando per ripartire, sia a livello produttivo sia nelle loro concessionarie, che ad esempio usano il digitale per ‘incontrare’ i clienti. Per rinvigorire le vendite anche delle auto convenzionali si è quindi inserito, nel Decreto Rilancio, un bonus rottamazione Euro 6, destinato a chi compra auto convenzionali.

Bonus rottamazione Euro 6, ossigeno per l’automotive dopo la pandemiaRottamare conviene..con il bonus

Un emendamento approvato dalla Commissione Bilancio della Camera stabilisce infatti che chi acquista, dal 1° agosto al 31 dicembre 2020, un’auto nuova Euro 6 con emissioni di CO2 comprese fra 61 e 110 g/km, può usufruire di un bonus di 1.500 euro più altri 2.000 messi a disposizione dal concessionario. Esistono altri requisiti per poter accedere al Bonus rottamazione Euro 6? La risposta è affermativa: l’auto da acquistare deve costare fino a 40 mila euro al netto dell'IVA ed è richiesta la contestuale rottamazione di una vettura immatricolata prima del 1° gennaio 2010. In assenza di rottamazione il contributo si dimezza: 750 euro di bonus e 1000 del concessionario. L’introduzione del Bonus rottamazione Euro 6 ha coinciso con un aumento di quello per le elettriche e le ibride. Le prime (in pratica le uniche che emettono meno di 20 grammi/km) godranno infatti di incentivi complessivi che salgono da 6.000 a 10.000 euro con rottamazione e da 2.500 a 6.500 senza. Se l’auto scelta emette fra 21 e 60 grammi di CO2/km – le ibride Plug-in e qualche Full Hybrid – il sostegno sale da 2.500 euro a 6.000 con la rottamazione e da 1.500 a 3.500 senza rottamazione.

 

Bonus rottamazione Euro 6, ossigeno per l’automotive dopo la pandemiaChi ha diritto al bonus rottamazione

Il provvedimento è stato approvato da Camera e Senato ed è perciò legge anche se si attendono i decreti attuativi. Una perplessità riguardo il Bonus rottamazione Euro 6 deriva semmai dalla copertura finanziaria: i 50 milioni complessivi stanziati per il 2020 rischiano di esaurirsi ma si confida in un rifinanziamento. Scorrendo l’elenco delle auto che hanno diritto al Bonus rottamazione Euro 6 non mancano le sorprese, nel senso che rientrano anche vetture tutt’altro che utilitarie. Troviamo per esempio l’Audi A5 35 TDi S-tronic, molte BMW Serie 3, diverse versioni della Citroen C5 Aircross e C4 SpaceTourer con il diesel BlueHDI e persino il SUV DS 7 Crossback. Incentivabili sono anche molte Fiat Tipo, 500L e 500L Wagon ma anche le Ford Mondeo e le Hyundai Tucson. Il powertrain Full Hybrid permette anche alle lussuose Lexus CT, IS e UX di rientrare nei limiti del Bonus rottamazione Euro 6 mentre molte Mercedes Serie E a gasolio non ibride emettono 110 grammi/km. L’elenco sarebbe ancora lungo ma basta scorrere i listini per farsi un quadro della situazione.

 

 

Nicodemo Angi

Commenta