Interviste

Falbo Ricambi, l’importanza dell’e-Commerce proprietario

Falbo Ricambi, l’importanza dell’e-Commerce proprietarioFalbo Ricambi S.r.L., l’importanza dell’e-Commerce proprietario.

Abbiamo incontrato Falbo Ricambi S.r.L., un ricambista esperto che ha abbracciato il digitale anche con un e-Commerce su una piattaforma proprietaria.

I ricambisti più accorti hanno solide radici, nate decine di anni fa, e da queste hanno fatto crescere un ‘albero’ ramificato e moderno. Falbo Ricambi Srl ha infatti un suo e-Commerce, fa preventivi con Whatsapp e cura i social network, oltre ad avere accordi con diversi network di officine.

Abbiamo incontrato Davide Falbo, amministratore unico, nella sede più nuova di Falbo Ricambi Srl, un capannone nella zona industriale di Corigliano; l’altra sede, a Corigliano Scalo, è attiva dal 1971.

 

Falbo Ricambi, l’importanza dell’e-Commerce proprietarioUn’esperienza più che decennale nel settori ricambi

Davide Falbo ha ripercorso le tappe dell’azienda: “Nel 1963 mio padre aprì un’attività di elettrauto con un piccolo deposito di ricambi, nel 1971 nacque un vero negozio in quella che oggi è la nostra filiale in città e nel 1980 l’elettrauto è stato chiuso. Mio padre ha continuato a lavorare e oggi si occupa dei non semplici rapporti con le banche. Già dal 1984 collaboriamo con Magneti Marelli, fra i primi a lanciare il progetto dei Servizi autorizzati. in quegli anni nessuno parlava di fidelizzazione delle officine, dando loro formazione e servizi dedicati. a questa partnership, ancora in auge, abbiamo affiancato quelle con altri network e con i fornitori, che ci supportano validamente. Nel 2006, visto l’aumento delle vendite, abbiamo messo in cantiere questa nuova struttura, inaugurata nel 2010 in coincidenza con un cambio dell’assetto societario, passato da Ditta individuale a Srl”.

 

Falbo Ricambi, l’importanza dell’e-Commerce proprietarioLockdown e servizi nei ricambi

La pandemia ha colpito anche Falbo Ricambi Srl: “attualmente il nostro organico è di 10 persone, compreso me e mio fratello Marcello; la maggior parte della forza lavoro è a tempo pieno. Contiamo inoltre su un consulente tecnico-commerciale e su un agente plurimandatario, dedicati alle officine. abbiamo 2 furgoni per le consegne a corto raggio mentre i clienti più lontani vengono serviti dai corrieri, che consegnano già il pomeriggio ritirando la merce in mattinata. Durante il lockdown molte officine sono rimaste chiuse fino a metà aprile e questo ha diminuito il fatturato dell’80%; in questa situazione difficile abbiamo fatto accordi con i fornitori per fronteggiarla. Poi abbiamo riaperto, anche se parzialmente e facendo ricorso alla cassa integrazione: abbiamo gradualmente recuperato i livelli pre-pandemia con un piccolo rimbalzo a giugno e luglio”. il nostro interlocutore crede molto nella qualità del servizio: “La nostra attività copriva un po’ tutta la Calabria ma ora ci stiamo concentrando sulla provincia di Cosenza perché la focalizzazione sulle officine impone un servizio accurato”.

 

Falbo Ricambi, l’importanza dell’e-Commerce proprietarioFalbo Ricambi Srl è digitale ma con giudizio

in Falbo Ricambi Srl si punta sull’innovazione, calibrata perché i riparatori abbiano servizi migliori e facili da usare. Davide Falbo ha spiegato che “la nostra attività è rivolta prevalentemente ai professionisti ed è a loro che abbiamo pensato quando abbiamo creato l’e-Commerce, i preventivi via Whatsapp e il sistema Targa per individuare con precisione il veicolo a partire dalla targa. Crediamo anche alla fidelizzazione delle officine ed in questo senso gli accordi con le reti a Posto, Chekstar e assoricambi si dimostrano efficaci anche per i loro corsi di formazione, che ospitiamo in un’aula dedicata. Per la vendita ai privati siamo ben posizionati perché abbiamo a magazzino più di 40.000 articoli in pronta consegna. abbiamo abbracciato il digitale ma con giudizio perché vendere online ai consumatori dà margini bassi per la concorrenza spinta. Quindi puntiamo sul nostro E-Commerce B2B, basato su piattaforma e database Sofinn Italia, e sulla vendita al banco per i privati. in questo ci aiutano molto i social network: pubblichiamo offerte e promozioni sulle nostre pagine Facebook e instagram e così facciamo pubblicità a costo zero. abbiamo un buon riscontro, sempre migliore man mano che i follower aumentano“.

 

Falbo Ricambi, l’importanza dell’e-Commerce proprietarioe-Commerce? Meglio fatto in casa da Falbo Ricambi

Parlando di commercio elettronico non si potevano non citare Amazon e eBay: secondo Davide Falbo “la presenza su queste piattaforme implicherebbe investimenti che al momento non riteniamo di fare: le vendite salirebbero rapidamente ma i margini si abbassano e questo, considerando che occorrerebbe una persona aggiuntiva, sconsiglia un passo del genere (il ricambista Cormar è invece presente). Ma c’è altro: la vendita online al privato è fin ‘troppo facile’ per questo settore specialistico e questo porta a tassi di reso alti, intorno al 20%, cosa che erode ulteriormente i margini. il nostro servizio accurato, unito a clienti professionali che fanno richieste precise, permette resi prossimi allo zero. Anche il privato che viene in negozio con il pezzo da cambiare, o una foto, genera pochissimi errori. Penso che anche siti meno generalisti, come AutoDoc o Mister auto, danno a volte informazioni poco precise e quindi molti resi: i ricambi ‘importanti’ non possono essere venduti come pneumatici o filtri”.

 

Acquisizioni? Falbo Ricambi è pronta

abbiamo poi chiesto un parere su fusioni/acquisizioni e sull’ingresso degli OEM nella distribuzione multimarca, e la risposta è stata sfaccettata: “posso dire che ci hanno offerto più volte ricambi originali ma noi siamo interessati solo a pezzi con il marchio del componentista. Non sappiamo cosa accadrà di queste iniziative ma per me il futuro è dei consorzi: Assoricambi, per esempio, lavora bene. Le acquisizioni internazionali sono strategiche e la pandemia le ha solo rallentate. Qualche gruppo è arrivato in italia senza aver ben compreso la nostra filiera ma altri si sono mossi meglio. invece di aprire attività in concorrenza con realtà consolidate, si accordano o acquisiscono queste strutture. i gruppi cercano attività medio-grandi come Falbo Ricambi, attive sul territorio e in grado di servire sia le officine sia i privati: mi aspetto di ricevere proposte dai grandi gruppi, che hanno iniziato dai distributori ma scenderanno nella filiera”.

 

L’Hi-Tech e Falbo Ricambi

Per le nuove tecnologie l’azienda ricorre ai corsi dei consorzi, tenendo conto che le nuove tecnologie arrivano allo IAM con un ritardo di 2/3 anni perché nei primi anni le auto fanno manutenzione praticamente solo nelle reti ufficiali. “Quest’anno si è bloccato quasi tutto” spiega Davide Falbo “ma speriamo di poter riprendere questi incontri l’anno prossimo con più tranquillità. Pensiamo che la transizione verso l’ibrido e poi l’elettrico potrebbe portare ad una diminuzione del numero dei riparatori, che diventeranno però più qualificati. Si chiederà sempre più professionalità e questa domanda crescerà rapidamente perché l’evoluzione dei veicoli è veloce. Noi abbiamo già ospitato corsi sulle ibride, molto seguiti dai riparatori, e chi riuscirà a stare al passo avrà un aumento del lavoro perché le ibride hanno più componenti. Riguardo i particolari legati alle ibride noi seguiamo i distributori: se ci indicano un nuovo ricambio che avrà una certa richiesta noi lo ordineremo”.

 

Evolversi per rimanere sul mercato

Riguardo i veicoli industriali e le macchine agricole, Falbo Ricambi copre i ricambi elettrici e il loro capannone ospita un deposito UTIF (una specie di piccola dogana) che permette di stoccare grandi quantità di lubrificanti. Davide Falbo ci ha detto che “con questo deposito aggiungeremo ai prodotti per auto e moto anche lubrificanti per veicoli agricoli e industriali. Non pensiamo però di trattare anche i ricambi (a differenza di quanto fa CRIA SM) perché riteniamo che questi particolari siano strategici soltanto se si ha anche l’officina di riparazione”.

Le parole di questo imprenditore confermano quel che sapevamo già: la formazione e la professionalità saranno sempre più essenziali per seguire l’evoluzione del mercato. Oggi professionalità è anche avere più canali di vendita e un marketing digitale ben curato. Queste ‘modernità’ si integrano bene con soluzioni come il deposito UTIF, analogico ma efficace per il business: basta pensarci!

 

Nicodemo Angì 

Commenta