Green

BorgWarner nella transizione elettrica: un impegno importante

BorgWarner nella transizione elettrica, un impegno importanteBorgWarner nella transizione elettrica da protagonista.

Molti grandi componentisti si sono riposizionati per tener conto dei grandi cambiamenti in atto nell’automotive: paradigmatico in questo senso è l’impegno di BorgWarner nella transizione elettrica. L’azione della multinazionale americana si è concretizzata in 2 azioni comunicate lo stesso giorno: l’acquisizione di Rhombus Energy Solutions e l’installazione in Italia delle sue prime colonnine nuova stazione di ricarica rapida, le Iperion-120. Queste mosse seguono, per esempio, l’acquisizione della cinese Santroll, attiva nei powetrain elettrici anche per veicoli pesanti e nei servosterzi elettrici e ad azionamento misto idraulico-elettrico.

 

Rhombus Energy Solutions e BorgWarner nella transizione elettrica

Rhombus Energy Solutions ha sede a San Diego, in California,  e offre la ricarica certificata V2G, quel Vehicle-to-Grid che permette ai veicoli elettrici di fornire energia alla rete oltreché prelevarla per ricaricare le batterie. Questa modalità bidirezionale è molto utile per bilanciare la rete elettrica durante i picchi nella richiesta ed evitare sovraccarichi locali nel caso molti veicoli a batteria ricarichino contemporaneamente. Rhombus fornisce la sua tecnologia brevettata a diversi fornitori di servizi di ricarica e rete e a costruttori di veicoli elettrici, fra i quali Proterra, impegnata negli autobus a batteria. Ricordiamo che da più di 10 anni BorgWarner produce il motore elettrico HVH250, concepito proprio per i veicoli pesanti. L’acquisizione è valutata in circa 185 milioni di dollari, dei quali 130 milioni sono stati consegnati alla chiusura dell’accordo mentre i rimanenti saranno pagati nei prossimi 3 anni.

 

Colonnine Iperion, asset importante per BorgWarner nella transizione elettrica

Le parole di Frédéric Lissalde, Presidente e CEO di BorgWarner, sono significative: “Il nostro essere fornitore per i mercati automobilistico e dei veicoli commerciali implica non solo la fornitura di tecnologia innovativa per trasmissioni elettriche ma anche il supporto di elementi chiave dell'infrastruttura per la mobilità elettrica, compresa la ricarica”. Nell’ambito delle azioni di BorgWarner nella transizione elettrica arriva il secondo annuncio, quello dell’arrivo in Italia delle prime colonnine per ricarica fast Iperion 120 di BorgWarner. Esse sono state installate dal fornitore di servizi italiano Route220 – che è fra i fornitori del network delle officine Arval - e possono ricaricare un'automobile a 120 kW o due veicoli contemporaneamente a 60 kW ciascuno. Le colonnine in corrente continua Iperion-120 hanno una tensione di uscita fino a 900 volt - compatibili quindi con vetture con sistema a 800 volt quali Porsche Taycan, Audi RS e-Tron, Hyundai Ioniq 5 e altre – ed è pronta anche per le batterie di prossima generazione. L'interfaccia utente è personalizzabile e intuitiva mentre dal lato degli operatori si ha compatibilità con i protocolli di ricarica europei e con i diversi standard di connessione e di prese. Iperion-120 promette una durata di oltre 10 anni e può essere utilizzata a temperature fra - 30° e + 50° Centigradi e fino a 4.000 metri di altitudine.

 

Nicodemo Angì

 

 

Commenta