17.5 C
Napoli
domenica, 19 Maggio 2024
  • Quali sono le auto che consumano di meno?

    Renault Austral

    Stilare una classifica delle auto che consumano meno, impone la necessità di valutare alcuni parametri.

    Tra gli indicatori che prenderemo in esame vi sono i litri consumati per 100 km, tradotti in kg per 100 km nel caso delle auto bifuel a metano. Direttamente legato al consumo è inoltre, il valore delle emissioni di Co2, in grammi al chilometro. Nella nostra classifica delle auto che consumano meno, tanti i marchi stranieri.

    E’ bene precisare però che da questa classifica, che fa riferimento a tutto il 2023, sono escluse le ibride plug-in, in quanto le auto con un motore termico prevarrebbero nettamente, prendendo in esame solo il dato risultante dai test di omologazione. Più corretto e vicino alla realtà è quindi, stilare una classifica comprensiva di auto benzina, diesel, mild e full hybrid.

    Uno dei modelli che più hanno convinto gli acquirenti sul mercato, per la soluzione del motore full hybrid, è Renault Austral. L’abbinamento E-Tech tra motore benzina 1.2 litri turbo e i due motori elettrici – di trazione e di recupero energetico funziona. Con 4,6 lt/100 km nel ciclo WLTP offre una potenza interessante, visti i 200 cavalli del sistema. Stesso consumo ma con un motore decisamente diverso per Renault Megane, che adotta un diesel 1.5 litri da 115 cavalli, con cambio doppia frizione.

    Buoni i consumi anche per la BMW Serie 1, nella motorizzazione 116d. Un tre cilindri turbodiesel da 116 cavalli e 270 Nm, accoppiato a un cambio manuale e in grado di consumare 4,6 lt/100 km (140 g/km di Co2).

    Lo stesso motore, con uguali consumi, lo troviamo anche su BMW Serie 2 Gran Coupé, a partire da 37.450 euro. Un motore che ricorre spesso nell’elenco di auto che consumano meno è il turbodiesel Stellantis: 1.5 litri BlueHdi da 130 cavalli. Consuma 4,6 lt/100 km nell’applicazione su Citroen C4 X, interessante crossover del segmento C. Da sottolineare la presenza del cambio automatico 8 marce.

    Sulla soglia dei 4,5 lt/100 km di consumo nel ciclo misto WLTP si trovano la Opel Astra e l’Honda Jazz. Due auto profondamente diverse, anzitutto per segmento di mercato. La Jazz è un’utilitaria e adotta un motore full hybrid da 122 cavalli nella potenza erogata dall’elettrico con il model year 2023.

    Il monovolume offre la possibilità di trazione, sia esclusivamente mediante il motore termico da 1.5 litri, benzina, che solo elettrico. Terza via, ovviamente, il funzionamento combinato gestito dall’elettronica. La Opel Astra è un progetto di segmento C e ottiene il medesimo dato di consumo con un motore turbodiesel, 1.5 litri e 130 cavalli.

    Accomunata alla Opel Astra berlina troviamo il suv DS3, sempre con cambio automatico 8 marce abbinato al motore turbodiesel (emissioni di Co2 da 133 g/km). Ancora una full hybrid ma dallo schema tecnico diversissimo.

    La Hyundai Kona che consuma 4,5 lt/100 km ed è spinta da un motore 1.6 litri benzina, accoppiato a un cambio meccanico a doppia frizione, 6 marce.

    Con un consumo dichiarato di 4,4 lt/100 km, sono svariati modelli a condividere la medesima spesa carburante eppure con soluzioni tecniche differenti: Toyota Yaris Cross full hybrid. Schema 1.5 litri benzina supportato dal motore elettrico di trazione e quello di recupero energetico. La potenza complessiva è di 116 cavalli.

    Professione crossover e nel segmento B, urbano, vi è l’Opel Mokka. Ottimi i consumi realizzati dalla versione con motore turbodiesel 1.5 litri da 110 cavalli.

    Renault Clio e Kia Niro tra le auto che consumano di meno

    Il suv si posiziona nel segmento C, offre un ottimo spazio interno e conferma la formula full hybrid con motore benzina 1.6 litri e cambio doppia frizione. Consuma 4,4 lt/100 km. Idem per la Mercedes Classe C 220d, i cui 4,4 lt/100 km corrispondono a emissioni da 116 g/km ma ha un costo molti più elevato (54.850 euro).

    4,3 lt/100 km invece per Renault Clio, montata un motore full hybrid da 1.6 litri che eroga 145 cavalli e ha specificità tecniche di rilievo. Il motore elettrico di trazione supporta il termico, quando non direttamente e in modo esclusivo a dare spinta alle ruote. Stellantis invece propone la Peugeot 308, con motore da 1.5 litri diesel, 130 cavalli.

    Scendiamo ancora e troviamo tre esponenti del mondo diesel, notoriamente campione di efficienza e bassi consumi. Con un consumo dichiarato di 4,2 lt/100 km troviamo Volkwagen Golf 2.0 TDI.

    Infine con 3,8 lt/100 km di consumo dichiarato, vi sono i due modelli di case auto differenti, ma molto simili: Mazda 2 Hybrid o Toyota Yaris Hybrid, che è come scegliere un’utilitaria in fotocopia, al netto dei loghi sulla carrozzeria.Il progetto delle due auto è Toyota, in virtù della partnership con Mazda.

    I 116 cavalli del sistema full hybrid Toyota, con motore termico 1.5 litri, sono una riserva adeguata di potenza.

    A cura di Valeria di Giorgio

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie