Automotive

Nuova Kia Ceed: nuove motorizzazioni e look grintoso

Nuova KIA Ceed cambia stile e motorizzazioni

Un look inedito e rinnovate ambizioni per la nuova Kia Ceed modello che arriva alla sua quarta generazione.

Diverse le motorizzazioni disponibili: il 1.5 T-GDi da 160 CV Mild Hybrid prevede anche il cambio DCT da 7 rapporti su tutte le varianti di carrozzeria della gamma, mentre il 1.6 CRDi Mild Hybrid da 136 CV è previsto per le versioni versioni hatchback e Sportswagon.

Per le versioni GT di Ceed e Kia ProCeed ecco il 1.6 T-GDi da 204 CV con un cambio a doppia frizione DCT a 7 rapporti.

Con la  hatchback e la Sports Wagon è possibile optare anche per  il motore bifuel benzina-GPL 1.0 T-GDi a tre cilindri da 100 CV.  

Il propulsore 1.0 T-GDi Smartstream a tre cilindri Mild Hybrid 48V da 120 CV è disponibile per la versione hatchback, con possibilità di veder abbinato il cambio a doppia frizione DCT a 7 rapporti con la funzione "coasting".  

Nuova Kia Ceed è innovativa in tutto

Per ciò che concerne il design colpisce la predisposizione di due grandi prese d'aria sui lati, che accentuano il fare aggressivo ed il DNA sportivo.

Questo look aggressivo è confermato dal richiamo stilistico alla Stinger, modello dal quale viene ripresa la vision.  Ben 13 le colorazioni disponibili con quattro grandi novità.

Per ciò che concerne gli interni, lo stile è ampiamente innovativo e fortemente tecnologico.  

Dotazioen completa per la nuova Kia Ceed

Basta pensare alla strumentazione digitale con i display da 12,3 pollici ed un sistema di infotainment con display da 10,25 pollici.

Piena la compatibilità con Apple CarPlay ed Android Auto mentre con líapp per smartphone Kia Connect diventa possibile gestire líauto da remoto.

Altissimo il livello di sicurezza grazie ai sistemi ADAS firmati KIA quali il Forward Collision-Avoidance Assist, il Driver Attention Warning e l'Assistenza al mantenimento della corsia.

Un modello moderno ed estremamente competitivo, che potrebbe rappresentare la grande sorpresa del suo segmento.

Marco Lasala

Commenta