Ricambi auto

E tu che ammortizzatore hai?

Un ammortizzatore deve essere robusto. Solo se funziona in modo ottimale può garantire una percorrenza sicura. Il problema è che l’usura degli ammortizzatori avviene gradualmente. Per l’officina è quindi importante controllarli accuratamente: soprattutto in caso di difetti, quando in alcuni casi un sintomo in un ammortizzatore può rivelare un guasto altrove.  Gli ammortizzatori sono parti soggette a usura e andrebbero cambiati al massimo dopo 80.000 km. come raccomanda KYB, uno dei principali produttori mondiali di ammortizzatori e molle per il primo impianto e l’aftermarket.

Tenuta e rumori: indizi di guasto

ammortizzatoreSe prima della data prevista per il controllo i clienti riferiscono di rumori insoliti, o notano che l’auto tende a tirare da un lato, è decisamente il caso di controllare gli ammortizzatori. Questo vale anche se I freni, misurati sul banco prova, mostrano una diminuzione della potenza frenante da un lato. “In casi simili, un’ispezione visiva degli ammortizzatori è necessaria”, spiega Bastian Nardi Bauer, responsabile del supporto tecnico e della formazione di KYB Europe. "Nella maggior parte dei casi – aggiunge – i difetti dipendono da usura delle guarnizioni – l’olio cola fuori dal pistone e insieme alla polvere e al fango forma uno strato appiccicoso sotto al pistone!

L’inverno: una prova di resistenza per le molle

Il secondo aspetto da considerare sono le molle: se il loro rivestimento protettivo è danneggiato, questo le rende particolarmente suscettibili alla ruggine in questi punti e a rischio di rottura dopo un certo periodo. "Le molle sono il contrappeso dell’ammortizzatore. Se non ci fossero, il veicolo continuerebbe a rimbalzare dopo aver preso una buca. Se le molle si rompono, il veicolo si inclina immediatamente da un lato. Un’esperienza che è preferibile evitare" spiega Bauer. Soprattutto nella stagione fredda, la molla è esposta a situazioni estreme. Quando il viaggio inizia con temperature basse, durante la guida la molla si scalda perché assorbe l’energia dell’ammortizzatore; inoltre si trova vicino al disco freno, un componente che può riscaldarsi parecchio. Il problema è che il metallo si ritira con il freddo e si espande con il caldo.

Cambiare molle e ammortizzatori: cosa tener presente

ammortizzatore kybFondamentalmente occorre ricordare che gli ammortizzatori vanno sempre cambiati in coppia sullo stesso asse. Non vale la pena di risparmiare in questo senso, sarebbe controproducente. KYB raccomanda vivamente di cambiare, insieme agli ammortizzatori, anche i kit di montaggio e protezione.

Ammortizzatori idraulici a o gas?

Ci sono fondamentalmente due tipi di ammortizzatori: idraulici e a gas. Molti veicoli hanno sempre avuto ammortizzatori idraulici fino all’inizio del nuovo millennio e anche oltre. Ora può valere la pena di passare agli ammortizzatori a gas. Gli ammortizzatori a gas dovrebbero essere sempre la prima scelta. Ottimizzano la trazione, il comportamento in frenata e il comfort di guida perché bilanciano le vibrazioni più rapidamente con una capacità di smorzamento maggior,” spiega sempre Bauer. Gli ammortizzatori regolano il movimento della molla e il loro compito è mantenere le gomme aderenti alla strada in modo da consentire ai freni di funzionare con efficacia. Un solo ammortizzatore usurato può aumentare la distanza di frenata fino a due metri – che possono fare la differenza fra una frenata in sicurezza e una collisione con un ostacolo.

Commenta