23.3 C
Napoli
venerdì, 24 Maggio 2024
  • Impianto di scarico auto, come capire se è guasto e cosa fare

    Impianto di scarico auto

    In questo articolo andremo ad approfondire come funziona l’impianto di scarico auto, partendo innanzitutto dalla domanda: a cosa serve l’impianto di scarico auto?

    L’impianto di scarico auto assolve a diverse importanti funzioni: oltre ad abbattere il rumore prodotto dagli scoppi del motore, è parte integrante del funzionamento corretto del propulsore, compreso il consumo efficiente del carburante, tiene i fumi fuori dall’abitacolo e ospita molti degli attuali dispositivi di riduzione delle emissioni.

    È quindi importante, sia per l’efficienza del veicolo sia per la sicurezza (non dimentichiamo che questo sistema gestisce gas roventi e chimicamente aggressivi), mantenere l’impianto di scarico auto in buone condizioni e conoscere i sintomi che qualcosa non sta funzionando a dovere per poi agire di conseguenza.

    Impianto di scarico auto guasto: i sintomi da non sottovalutare

    È quasi superfluo dire che i più frequenti sintomi di un impianto di scarico auto guasto sono rumori mai sentiti prima e che vengono dal sistema di scarico: suoni rombanti o scoppiettanti e sibili o soffi sono segnali inequivocabili che nell’impianto di scarico auto qualcosa non va. Le conseguenti azioni, dall’individuare in prima persona l’origine del rumore al rivolgersi a un meccatronico, vanno intraprese il prima possibile per evitare che un danno di poco conto si trasformi in una costosa riparazione.

    Una specie di ruggito che proviene dalla parte posteriore del veicolo è il segno che qualcosa non va nell’impianto di scarico auto, con il silenziatore a essere il principale indiziato. Questo componente ha le maggiori probabilità di essere corroso dall’acido perché il più lontano dal motore e quindi, rimanendo relativamente freddo, spesso non riesce a eliminare la condensa acida dei gas di scarico che riescono a corroderlo.

    Se i suoni sono sibilanti indicano una fuga dei gas, attribuibile a crepe nel tubo di scarico, nel collettore di scarico o una guarnizione di tenuta che perde mentre gli scoppiettii sono il  segno di una possibile ostruzione dell’impianto di scarico auto. Se si tratta di un allentamento meccanico i rumori potrebbero essere di tipo “tintinnante”, oppure con colpi o vibrazioni, con il sistema di scarico che si muove troppo per il cedimento di un supporto o di una fascetta di serraggio.

    Cosa succede se l’impianto di scarico auto è guasto

    Se si avvertono questi tipi di sintomo è importante risolvere rapidamente il problema perché si potrebbero danneggiare le parti investite dai gas di scarico roventi senza contare la possibilità che gli inquinanti entrino nell’abitacolo del veicolo. Eventuali riparazioni possono essere facilitate dai kit “modulari” Hella Easy2Fit predisposti per molti modelli.

    L’impianto di scarico auto contiene componenti sofisticati

    Ricordiamo che l’impianto di scarico auto contiene anche componenti evoluti quali i convertitori catalitici, che possono anch’essi danneggiarsi: nel caso potrebbe avvertirsi un rumore come “sassi in una scatola” che si muovono, segno che il nido d’ape ceramico interno si è spezzato.

    In casi estremi si potrebbe sentire un rumore anormale e forte all’avviamento: potrebbe essere un malaugurato episodio di furto di pezzi alle automobili. La provenienza dei suoni anomali può aiutare a individuare i problemi dello scarico: se essi vengono dalla parte anteriore si può pensare all’area del motore, per esempio una guarnizione difettosa, un tubo flessibile allentato, o un problema più serio come il collettore di scarico rotto.

    Se l’origine dei suoni è verso il centro dell’auto è possibile siano correlati a un collegamento allentato, un foro in qualche componente o, peggio, un problema al convertitore catalitico, molto più costoso da riparare.

    Le anomalie sonore provenienti dalla parte posteriore del veicolo sono invece da imputare al già citato silenziatore o a un grosso foro nei condotti dello scarico. Un guasto all’impianto di scarico auto può manifestarsi anche senza rumori sospetti, per esempio se il convertitore catalitico è malfunzionante ma non rotto internamente.

    Si può notare in questo caso una perdita di potenza del veicolo, un funzionamento irregolare e un aumento del consumo di carburante, l’accensione della spia di controllo motore e odori sgradevoli dallo scarico. Stessi sintomi se a essere danneggiato è il filtro antiparticolato mentre le anomalie al sistema SCR mettono il motore in protezione e inviano notifiche al cruscotto e ai vari display di bordo.

    Cosa fare se l’impianto di scarico auto è guasto

    Se l’impianto di scarico dell’auto è guasto, è fondamentale non ignorare il problema, poiché potrebbe peggiorare le prestazioni del veicolo, aumentare i consumi di carburante e rilasciare emissioni nocive. Ascolta rumori insoliti come sbuffi o ronzii, e controlla se ci sono segni visibili di danni o perdite. È consigliabile, inoltre, portare l’auto da un meccanico specializzato il prima possibile per un controllo. Una diagnosi tempestiva può prevenire danni più seri al motore e al sistema di scarico stesso, oltre a garantire la sicurezza e il rispetto delle normative ambientali.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie