23.3 C
Napoli
venerdì, 24 Maggio 2024
  • Biden lancia l’allarme sulle auto elettriche cinesi

    Joe Biden - Auto elettriche cinesi

    Le auto elettriche cinesi e super connesse fanno paura agli Stati Uniti. Il Presidente Joe Biden lancia l’allarme rischio per la sicurezza nazionale.

    L’inchiesta è stata affidata al Dipartimento del commercio e dovrà verificare se le importazioni di auto elettriche dal Paese asiatico, in particolare quelli con tecnologie di connettività, rappresentino un reale rischio per il Paese.

    Le auto elettriche cinesi come smartphone su ruote

    I riflettori sono puntati sui sistemi di connettività delle auto cinesi. Biden le ha definite “smartphone su ruote”, riferendosi alla tecnologia utilizzata sulle vetture di ultima generazione.

    Le auto elettriche cinesi infatti sono collegate ai telefoni, ai sistemi di navigazione, alle infrastrutture critiche e alle aziende che le hanno prodotte.

    I veicoli connessi provenienti dalla Cina potrebbero raccogliere dati sensibili sui cittadini e sulle infrastrutture e inviarli alla Repubblica popolare cinese, con il rischio che potrebbero essere accessibili o disabilitati da remoto.

    Su questo delicato tema è stata avviata dagli Stati Uniti una “unprecedented action”, un’azione senza precedenti che si identifica in un’indagine contro la auto cinesi che potrebbe portare all’implementazione di nuove normative per impedire alla Cina di utilizzare tecnologie avanzate nelle auto elettriche e nei veicoli connessi, con l’obiettivo di monitorare i guidatori e i loro dati personali.

    D’altra parte la posizione di Biden è chiara: “La Cina impone restrizioni alle auto americane e ad altre Case automobilistiche straniere che operano in Cina. Perché i veicoli connessi provenienti dalla Cina dovrebbero essere autorizzati a circolare nel nostro paese senza garanzie?”.

    Il dovere del Presidente, stando a quanto dichiarato, è garantire che le auto sulle strade degli Stati Uniti provenienti da Paesi che destano preoccupazione come la Cina non compromettano la sicurezza nazionale.

    L’indagine potrebbe anche sfociare in possibili restrizioni commerciali quali dazi o specifiche barriere doganali, sulla falsariga di quanto paventato dalla Commissione europea con la sua inchiesta anti-dumping sulle elettriche cinesi.

    Questa e altre possibili azioni rappresentano tra l’altro anche una manovra per   fare in modo che il futuro dell’industria automobilistica si sviluppi in America con i lavoratori americani.

    Crescono le vendite delle auto elettriche in Cina

    Intanto, mentre l’Europa rallenta, la Cina dell’auto elettrica raddoppia quasi la velocità. Crescono infatti del 94% le vendite di vetture full electric e ibride plug-in a gennaio 2024, raggiungendo le 668.000 unità. Più precisamente, 374.000 sono le auto elettriche al 100% (+55% e market share del 18%), mentre 294.000 sono le plug-in (+150% e market share del 14%).

    A cura di Valeria di Giorgio 

    Articolo precedente
    Articolo successivo

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie