Automotive

Accise carburanti: il taglio è prorogato fino al 31 dicembre 2022

Accise carburanti, il taglio è prorogato fino al 31 dicembre 2022Il taglio accise carburanti permette di dare respiro alla mobilità trasporti

I prezzi dell’energia impazziti hanno messo in crisi cittadini e imprese ma la proroga del taglio accise carburanti promette un certo contenimento dei prezzi. Ricordiamo che il prezzo al litro di benzina, gasolio e GPL è composto dal prezzo del carburante in sé e dall’accisa, che è una particolare imposta: a questa somma intermedia va poi aggiunto il 22% di IVA calcolata sul totale delle due componenti viste prima. L’accisa è fissa ma per contrastare il caro carburanti alla fine di marzo si è deciso di tagliarla di 25 cent/litro che equivale a 30,5 cent/litro considerando l’IVA. Per il GPL si è operato un taglio di 8 centesimi ma l’accisa di partenza era molto più piccola rispetto a quella di benzina e gasolio.

 

Il taglio accise carburanti è contenuto nel Decreto aiuti

La proroga al 31 dicembre dello sconto sulle accise carburanti è citato nella Nota di Aggiornamento del Documento di Economia e Finanza - NADEF – nel Capitolo II.1 (Misure aggiuntive per il 2022 e manovra 2023-25) e farà anche parte del quarto Decreto aiuti approvato giovedì 10 novembre con un budget di 9,1 miliardi di euro. Oltre alla proroga del taglio accise carburanti esso confermerà anche per il mese di dicembre 2022 le misure che riconoscono, a parziale compensazione dei maggiori oneri sostenuti, crediti d'imposta pari a una quota delle spese sostenute dalle imprese per l'acquisto di energia elettrica e gas naturale. il taglio accise carburanti, anche se non ha convinto del tutto varie associazioni di categoria, si è dimostrato in grado di contenere le esorbitati quotazioni raggiunte dai carburanti ed è quindi stato confermato. Ricordiamo che il quarto decreto aiuti ha confermato la riduzione al 5% dell’IVA sul Metano decisa nello scorso maggio.

Nicodemo Angì

 

Commenta