Automotive

Proroga agevolazioni carburanti: le associazioni approvano ma con riserva

Proroga agevolazioni carburanti, le associazioni approvano con riserva La proroga agevolazioni carburanti arriva fino al 21 agosto.

I Ministri dell’Industria e della Transizione ecologica, Franco e Cingolani, hanno firmato il decreto per la proroga agevolazioni carburanti, che ora saranno in vigore fino al 21 agosto. Questa misura è valida per tutti i carburanti ma Federmetano e Assogasmetano hanno denunciato delle criticità. Ricordiamo che questa misura riduce l’IVA al 5% per il metano per autotrazione e rimodula le accise per benzina, gasolio, gpl e metano. In particolare questa misura non solo proroga l’IVA agevolata al 5% ma azzera le accise sul gas naturale per autotrazione. Le 2 associazioni prendono quindi atto di questo segnale di attenzione verso il settore e verso gli utenti del metano in un periodo di grande difficoltà e di incertezza politica come quello che stiamo vivendo ma pensano che le peculiarità del gas naturale meriterebbero azioni più specifiche. In effetti indagini come quella che indica dove conviene fare il pieno hanno rilevato che gli aumenti di prezzo maggiori competono proprio a metano e gpl.

 

Basterà la proroga agevolazioni carburanti contro i prezzi impazziti?

Le preoccupazioni delle associazioni sono più che fondate, dato che le quotazioni giornaliere TTF (Title Transfer Facility, mercato virtuale per lo scambio del gas naturale con sede in Olanda ) del metano sono vicine a 177 €/MWh: esse sono quindi molto superiori al record del mese di marzo (133 €/MWh) e si prevede che rimarranno a lungo sopra i 160 €/MWh, rendendo molto problematica la fornitura del servizio agli utenti del gas naturale per l’autotrazione. Federmetano e Assogasmetano manifestano perplessità per il fatto che il gas naturale per autotrazione sia stato incluso nei provvedimenti per gli altri carburanti senza considerarne le criticità specifiche. Dante Natali, Presidente di Federmetano, e Flavio Merigo, Presidente di Assogasmetano, commentano dicendo che “la situazione che il metano per autotrazione sta vivendo nasce già nell’ottobre 2021 e il suo aumento è molto superiore a quello di benzina e gasolio. Se il petrolio è cresciuto di circa il 40/60%, il prezzo del gas naturale è aumentato di 8 volte rispetto alla media degli ultimi 15 anni”. Notiamo che le automobili a gpl e metano sono abbastanza richieste per il noleggio a lungo termine.

 

Proroga agevolazioni carburanti alla prova delle crisi

I presidenti di Federmetano e Assogasmetano chiedono quindi misure congruenti con l’entità della crisi che ha investito il settore, di gran lunga più grave rispetto a quella patita dagli altri carburanti. Si chiede quindi, nei limiti di questo momento di transizione verso nuove elezioni, di aiutare le imprese del settore e gli utenti perché possano superare questo momenti di emergenza con provvedimenti ad hoc per il metano autotrazione. Il grido di dolore è accorato: “occorre intervenire prontamente per far sopravvivere un settore che è allo stremo delle forze e che non può aspettare l’insediamento del nuovo Governo”. In effetti le immatricolazioni di veicoli a metano si sono già contratte fortemente: i dati UNRAE parlano di 1.355 automobili immatricolate nel giugno 2022 e 7.606 nel primo semestre, con un calo rispettivo del 62,4% e del 63,0% rispetto al 2021. In effetti la proverbiale economicità di questo carburante è stata compromessa dall’impennata dei prezzi seguita all’invasione dell’Ucraina: nell’aprile 2021 il prezzo medio era di 0,975 euro/kg mentre nel giugno di quest’anno, con le agevolazioni carburanti in vigore, è risultato di 1,904 euro/kg. Il biometano prodotto in Italia e usato anche nei mezzi agricoli non avrebbe questi aumenti ma la produzione è ancora limitata.  

 

Nicodemo Angì

Commenta