Xmaster: il cuore tecnico pulsante di Autodis Italia.

IR NEWS

Archivio >

Xmaster: il cuore tecnico pulsante di Autodis Italia

Con un fatturato di ben 6 milioni di euro, la Divisione Xmaster è il cuore tecnico pulsante di Autodis Italia.

36 marchi trattati, 15 commerciali e tecnici, 200 macchine carica clima, un turn-over annuo di circa 400 diagnosi, 1.500 officine abbonate e 220 linee di revisione.

Questi sono i numeri del successo di Autodis Italia, che da oltre 20 anni svolge il compito di trasferire le conoscenze tecnologiche all’autoriparazione e proporre l’attrezzatura al fianco del ricambista.

Grande attenzione è dedicata alla formazione del personale. I corsi tecnici sono erogati da formatori che sono tutti collaboratori interni di Autodis Italia. Un percorso Start dedicato a tutti i giovani talenti che sognano di diventare i meccanici del futuro. è partito come GGROUP, ma diventerà un progetto nazionale. Un’esperienza consolidata che ha portato Autodis Italia a diventare leader di mercato anche delle attrezzature pesanti come ponti sollevatori, linee di revisione ed attrezzature per carrozzeria, con un occhio sempre attento all’assistenza tecnica, che ha un valore strategico in un’ottica di evoluzioni future.

In Xmaster sono studiate e testate tutte le attrezzature, affiancate da un percorso di digitalizzazione dell’Officina.

Il gestionale Xmaster Tool è in grado di interfacciarsi con strumenti di diagnosi e contemporaneamente con i ricambi necessari per quello specifico intervento. Parliamo anche di attrezzature connesse tra di loro e di accettazione dinamica che in 3 minuti consente un’analisi completa dello stato di salute dell’auto.

A tal proposito Xmaster ha già lanciato il portale Xmaster in cui ogni officina può accedere alla gamma attrezzatura con le relative schede tecniche. Ci sono diversi webinar e tutorial. Si sta lavorando con il marketing centrale per creare una navigazione virtuale e trailer dei corsi di formazione, oltre ai corner Xmaster presso il ricambista che hanno l’obiettivo di far conoscere il progetto a tutte le officine.

Commenta