UNASCA: ridurre la velocità delle auto nei centri abitati per salvare vite.

IR NEWS

Archivio >

UNASCA: ridurre la velocità delle auto nei centri abitati per salvare vite

La proposta della UNASCA: le strade a bassa velocità possono salvare la vita a tante persone

Sicurezza degli automobilisti. In questo senso le strade a bassa velocità possono salvare la vita a tante persone, questa è la proposta della UNASCA

E' questo il forte convincimento alla base della campagna Love30 promossa dalle Nazioni Unite per la settimana dedicata alla sicurezza stradale. L'iniziativa è stata rivolta ai responsabili politici, con la finalità di abbassare il limite massimo a 30 km/h nelle strade comunali.

Le valutazioni della UNASCA sono più che favorevoli rispetto alle valutazioni formulate dalle Nazioni Unite sul tema della sicurezza stradale.

Secondo l'Unione Italiana Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica occorre imporre dei limiti di velocità nei centri abitati nelle aree residenziali o ovunque ci sia un'interazione regolamentata.

In tal senso l'UNASCA ha implementato da anni una formazione impostata su uno stile di guida consapevole più che al conseguimento del titolo di guida. Come contributo per la settimana europea Unasca in collaborazione con l'associazione greca RSI ha lanciato un video dedicato all'attenzione alla guida, al valore del controllo della velocità ed al contenimento del rischio per gli utenti della strada vulnerabili.

Un impegno concreto che vede l'Unione divisa tra formazione e promozione delle modalità corrette di guida. 

Commenta