Sicurezza e salute

Spostarsi da una regione all'altra: tutte le regole da osservare

Spostarsi da una regione all'altra: si può.

Spostarsi da una regione all'altra: tutte le regole da osservareDallo scorso 3 giugno sono finalmente aperti i confini tra regioni, ci si può spostare liberamente tra una regione e l'altra e molti italiani preferiscono farlo in auto.

Attenzione però, vigono delle norme specifiche per chi intende viaggiare in auto spostandosi da una regione all’altra della penisola. Per saperne di più abbiamo fatto riferimento alle Faq del Governo ed agli approfondimenti de ilsole24ore.

Nell’allegato 15 del Dpcm del 17 maggio si confermano le regole anti-assembramento osservate fin ora, per cui:

  • è possibile viaggiare con persone non conviventi, ma non si possono occupare tutti i posti che un’auto ha. Vige sempre la norma del distanziamento e l’obbligo per tutti i passeggeri di indossare la mascherina.
  • soltanto il guidatore occupa la parte anteriore dell’abitacolo, mentre i sedili posteriori possono essere occupati da una o due persone, lasciando libero il posto centrale.
  • Inutile ribadire che soggetti con difficoltà respiratoria e febbre maggiore di 37,5° C devono obbligatoriamente rimanere presso la propria abitazione e limitare i contatti sociali.

Le sanzioni per chi si sposta da una regione all'altra

Dal punto di vista giuridico, rispetto agli spostamenti tra regioni su veicoli privati come l’auto, l'eventuale sanzione è prevista soltanto per la violazione dell’obbligo di portare la mascherina, si parla di 533 euro riducibili a 373,34 euro se si paga entro cinque giorni. Sanzioni per il mancano distanziamento vigono soltanto sui mezzi pubblici in quanto il Dpcm del 17 maggio (allegato 15) è stato esteso ai mezzi privati solo dalle Faq Governative che non hanno pieno valore giuridico.

Eccezioni e deroghe negli sponstamenti da una regione all'altra

Sono previste alcune deroghe alle norme sopra riportate, ad esempio:

  • In auto possono viaggiare persone conviventi, che non necessariamente abbiano la stessa residenza e appartengano allo stesso stato di famiglia, ma che siano almeno in grado di dimostrare di aver trascorso il periodo della pandemia nella stessa casa.
  • Se sul veicolo è stato montato un separatore che divide la parte dell’abitacolo anteriore da quella posteriore, considerando che guidatore e passeggero debbano mantenere le distanze, si può non indossare la mascherina.

Controlli al veicolo prima di spostarsi tra le regioni

Di norma ci sono alcune accortezze da avere prima di viaggiare, nel caso specifico dello spostamento tra regioni in auto è ancora più consigliato cambiare il filtro aria abitacolo per favorire i ricicli d’aria ed evitare che il virus possa circolare nell’abitacolo, ancor meglio se si evita la climatizzazione e si opta per i finestrini abbassati.

Proroghe: le regole da sapere 

  • Per la revisione in scadenza è stata concessa una proroga (regolamento UE 2020/698): tutte le revisioni con scadenza tra il 1° febbraio ed il 31 agosto possono essere posticipare di sette mesi (anche per eventuali viaggi all’estero in uno stato UE).
  • Per l’assicurazione invece, se la scadenza della polizza è compresa tra il 21 febbraio ed il 31 luglio è possibile ritardarne il rinnovo per un mese.
  • Per le patenti scadute tra il 1° febbraio ed  il 31 agosto 2020 è prevista una proroga di sette mesi, valida in tutta Europa, il tutto avviene automaticamente senza dover fare specifica richiesta o comunicazione.

Sconto sulle multe: le regole da osservare

Dal 31 maggio non è più previsto lo sconto del 30% sulle multe ricevute, è possibile usufruirne soltanto se si paga la multa entro 5 giorni dalla notifica e non entro 30 giorni.

I rischi per chi si sposta da una regione all'altra

Oltre al rischio di contagio nel caso in cui non si osservassero tutte le regole previste, c'è il rischio di imbattersi in lunghe code di traffico autostradale dovute all'ampio numero di spostamenti. Non dimentichiamo che gli esodi estivi sono alle porte e che rimanere in casa per molti mesi ha portato sicuramente ad un aumento del desiderio di viaggiare. 

Resta poca chiarezza sul come comportarsi in moto o in motorino. Siamo certi però che chi si sposta su due ruote da solo non ha l’obbligo di indossare mascherina, resta in dubbio il caso in cui i passeggeri fossero due, la compagnia di un passeggero non convivente presuppone che, se indossa un casco non integrale (il famoso jet o “scodella”), quest’ultimo abbia l’obbligo della mascherina.

Costanza Tagliamonte

Commenta