25.9 C
Napoli
lunedì, 22 Luglio 2024
  • Sistemi ADAS: obbligatori sulle auto dal mese di luglio

    Sistemi ADAS: obbligatori sulle auto dal mese di luglio

    I sistemi ADAS saranno obbligatori su tutte le auto di nuova immatricolazione, commercializzate in Europa, a partire dal prossimo mese di luglio.

    Entrerà in vigore il 7 luglio 2024 in tutta l’Europa la normativa che renderà obbligatori gli ADAS (Advanced Driver Assistance System).

    Sistemi di assistenza alla guida in grado di ridurre significativamente gli incidenti stradali causati da errori e distrazioni umane.

    A stabilire l’obbligatorietà di questi dispositivi è il Regolamento UE 2019/2144 promosso dal Parlamento Europeo e che prevede la presenza di una serie di tecnologie di assistenza alla guida, sulle vetture di nuova omologazione.

    Dunque, tutte le vetture anche di nuova commercializzazione, quelle in pratica presenti nei saloni delle concessionarie, a partire dal 7 luglio, dovranno essere equipaggiate di sistemi ADAS.

    Quali sono gli ADAS obbligatori sulle auto di nuova omologazione?

    Tutte le vetture di nuova omologazione a partire dal 7 luglio 2024 dovranno essere dotate dei seguenti dispositivi ADAS:

    • ISA (Intelligent Speed Assistant)
    • frenata automatica di emergenza
    • scatola nera
    • alcol lock
    • avviso ostacolo in avvicinamento in retromarcia
    • sistema di mantenimento del veicolo in carreggiata
    • avviso stanchezza e distrazione del conducente
    • arresto di emergenza

    A cosa serve l’Intelligent Speed Assistant

    Una tecnologia in grado di informare il guidatore, tramite un segnale acustico e visivo, quando oltrepassa il limite di velocità consentito sul tratto autostradale che sta percorrendo. Il segnale nasce sulla base della segnaletica stradale o attraverso informazioni inviate dall’infrastruttura stradale e/o dai dati cartografici del navigatore. È possibile disattivarlo. L’ISA non interviene in alcun modo sull’acceleratore, sterzo e freni.

    Frenata automatica di emergenza

    È già presente su diverse auto di nuova generazione. La vettura tramite sensori e telecamere di bordo, deve essere in grado di rilevare una potenziale situazione di pericolo e il possibile rischio di collisione. Una volta avvisato il guidatore che occorre frenare per evitare l’impatto, vengono automaticamente attivati i freni. Il sistema è anche in grado di moltiplicare la forza frenante applicata sul pedale del freno per sfruttare così al massimo, la potenza dell’impianto frenante.

    L’utilità della scatola nera

    Un dispositivo in grado di registrare tutti i dati relativi a un determinato evento, in un’apposita scatola. Una tecnologia che consente di memorizzare tutte le informazioni che derivano da una collisione immediatamente prima e durante l’impatto.

    La scatola nera è in grado di registrare una serie di dati tra cui:

    • velocità del veicolo
    • frenata
    • posizione del veicolo
    • inclinazione della strada
    • attivazione dei sistemi di sicurezza.

    Non può essere disattivata, i dati registrati all’interno della scatola nera sono protetti da manipolazioni esterne. Possono essere messe a disposizione delle autorità nazionali mediante un’interfaccia standard.

    Alcol Lock: guida in stato di ebbrezza

    I veicoli di nuova omologazione, a partire dal 7 luglio, dovranno essere provvisti di un’interfaccia che consenta l’installazione di dispositivi di alcol lock. Dunque, non sarà presente a bordo dei veicoli alcun dispositivo specifico, ma la vettura sarà dotata di una serie di sensori che, nel caso il sistema rilevi che il guidatore ha un tasso alcolemico superiore al consentito, ne impedisca la partenza.

    Avviso ostacolo in avvicinamento in retromarcia

    Quante volte è capitato di uscire da un parcheggio e di non vedere un ostacolo in avvicinamento e di frenare all’ultimo per scongiurare il tamponamento. L’avviso di un ostacolo in avvicinamento in retromarcia serve proprio a evitare questo, collisioni e scontri con auto in avvicinamento in fase di uscita da un parcheggio, ma anche evitare di investire un pedone o ciclista.

    Sistema di mantenimento del veicolo in carreggiata

    Molti costruttori lo chiamano Lane Keeping Assist, una tecnologia in grado di riportare il veicolo in carreggiata e che funziona anche in assenza di una precisa segnaletica stradale. Un dispositivo che può essere disattivato, ma che a ogni accensione del veicolo, torna nuovamente attivo.

    Avviso di stanchezza del conducente

    Un alert acustico e visivo che avvisa il conducente in merito a una guida distratta. La presenza di un avanzato sistema che registra la disattenzione del conducente e la sua stanchezza, offre anche un utile supporto in caso di incidente. Si tratta di una tecnologia che sfrutta i sensori e telecamere presenti all’interno dell’abitacolo.

    Segnalazione arresto di emergenza

    In caso di una frenata di emergenza, le luci di stop devono attivarsi lampeggiando, in modo da richiamare l’attenzione di chi precede.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie