Ricambi auto

Germania, prezzi dei ricambi auto alle stelle: +44% in 8 anni

Gli assicuratori tedeschi denunciano: i prezzi dei ricambi auto sono aumentati il triplo dell’inflazione!

I costi delle riparazioni - e quindi anche gli indennizzi erogati dalle assicurazioni - sono molto legati a quelli dei particolari da sostituire e quindi non ci stupiamo se gli assicuratori tedeschi denunciano il fatto che i prezzi dei ricambi auto sono saliti molto. Un rapporto della Gesamtverband der Deutschen Versicherungswirtschaft (GDV, l’Associazione delle assicurazioni tedesche) solleva infatti la questione della corsa all’insù dei prezzi dei ricambi auto, aumentati del 44% in 8 anni. Se anche la pandemia ci ha messo lo zampino (in un anno i prezzi sono aumentati del 6%) rimane il fatto che negli 8 anni considerati l’inflazione in Germania è stata del 13%, meno di un terzo dell’aumento dei prezzi dei ricambi auto.

 

Germania, prezzi dei ricambi auto alle stelle: +44% in 8 anni!I prezzi dei ricambi auto aumentano per ogni tipo di pezzo

Questa corsa all’insù non riguarda soltanto sofisticati ricambi elettronici, anche loro colpiti dall’ormai endemica carenza di chip, ma anche particolari ben più ordinari. Secondo GDV alla fine di agosto una griglia del radiatore costava quasi il 9% in più rispetto all'anno precedente. L’Associazione fa anche altri esempi di particolari aumentati in maniera abnorme dal 2013: i prezzi dei cofani del bagagliaio sono diventati il 60% più costosi e le luci posteriori, ormai molto ‘lavorate’ e illuminate a LED, sono lievitate del 67%.

 

 

C’è un monopolio dietro l’aumento dei prezzi dei ricambi auto?

GDV lamentava un ‘quasi monopolio’ dei produttori per molti pezzi di ricambio, citando ad esempio l’aver brevettato il design delle parti esterne della carrozzeria. Questo ha impedito a molti produttori terze parti di creare ricambi più economici per molte parti delle automobili. La vicedirettrice di GDV Anja Käfer-Rohrbach ha criticato la situazione dicendo che: "automobilisti e officine possono acquistare diversi pezzi di ricambio ormai solo dal produttore dell'auto: in pratica non c'è concorrenza libera e leale in questo mercato". Secondo gli assicuratori, i prezzi più alti per i pezzi di ricambio sono un fattore importante dell'aumento dei costi di riparazione dopo gli incidenti. Nel 2020, secondo GDV, l’indennizzo medio erogato dalle compagnie per i danni materiali a un'auto è aumentato a circa 3100 euro, 700 euro in più rispetto al 2013.

Nicodemo Angì

 

Commenta

POTREBBE INTERESSARTI