Ricambi auto

La resilienza dell'aftermaket internazionale

La resilienza dell'aftermaket internazionaleLa resilienza dell'aftermaket internazionale. 

Nel primo talk digitale di Automechanika si è affrontato il tema del coronavirus e del suo impatto sull'aftermarket automobilistico. Tutti convengono sul fatto che il post-vendita internazionale, seppur messo a durissima prova dall'emergenza sanitaria in atto, abbia dimostrato una buona capacità di adattamento. Al tempo stesso è oggi, più che mai, è essenziale predisporre una sistema efficace della crisi per affrontare nel migliore dei modi congiunture di simile portata.

La resilienza dell'aftermarket

"Come il discorso ha chiarito, né l'industria automobilistica né i suoi fornitori erano preparati per la pandemia di coronavirus. “Stiamo vivendo quella che probabilmente è una crisi che capita una volta nella vita. E siamo sulle montagne russe da diversi mesi ", dice Jean-Francois Bouveyron, Vice President Aftermarket EMEA Delphi Technologies Aftermarket, aggiungendo che: "Il business è diminuito drasticamente a marzo, ma ha recuperato in modo significativo in estate. Per me, questo ha dimostrato la resilienza del mercato post-vendita e ha dimostrato che è stato in grado di affrontare la crisi molto meglio di quanto potrebbe fare, ad esempio, il mercato OE".

Così l'aftermarket ha reagito al Covid-19

Anche Rolf Sudmann, Vicepresidente esecutivo ContiTech, ha affrontato questo problema: “Come molti produttori di componenti, dobbiamo gestire catene di fornitura con un'elevata complessità internazionale. Ad essere onesti, questo sistema esteso non è stato molto resistente durante la primavera, quando per la prima volta stavamo tutti affrontando la crisi del coronavirus. In alcuni casi, la produzione è stata interrotta e le aziende hanno dovuto affrontare la sfida di gestire ordini in aumento (spesso non programmati). Dopo il primo trimestre, tuttavia, il settore dei fornitori ha iniziato una lenta ripresa e le aziende hanno imparato molto dalla situazione risultante dalla pandemia di coronavirus e dal blocco globale." Sudmann aggiunge: “Abbiamo impiegato il tempo per migliorare la nostra gestione della catena di approvvigionamento e i processi all'interno della catena di approvvigionamento. Inoltre, abbiamo rafforzato la nostra collaborazione con molti dei nostri partner internazionali, soprattutto in quei settori della digitalizzazione e delle previsioni. Questo è il motivo per cui ho fiducia nel futuro ".  "Nonostante questa situazione difficile, noi di Bosch siamo riusciti a mantenere le nostre catene di approvvigionamento per l'intero periodo, il che ci ha fornito un'ottima base per il crescita negli ultimi mesi. Oggi possiamo dire che la domanda è notevolmente migliorata in quasi tutte le aree di prodotti aftermarket ", rimarca Manfred Baden, Presidente Automotive Aftermarket Robert Bosch GmbH.

Aftermarket: creare ora un sofisticato sistema di gestione della crisi

I partecipanti al discorso sono anche d'accordo sul fatto che un sofisticato sistema di gestione delle crisi è essenziale. Nelle parole di Michael Söding, CEO Automotive Aftermarket Schaeffler AG: "La chiave è stabilire un sistema di gestione delle crisi efficace".  Il panel ha inoltre voluto sottolineare che i contatti stretti e il dialogo con i clienti sono estremamente importanti per migliorare le previsioni e reagire rapidamente e in modo flessibile alle situazioni in evoluzione. Helmut Ernst, Senior Vice President Aftermarket ZF AG, ha chiarito che il COVID-19 ha agito per accelerare ulteriormente il processo di consolidamento nel settore: “COVID-19 in combinazione con la mobilità elettrica e la carenza di fondi hanno davvero spinto il processo di consolidamento". Con la situazione com'è adesso, nessuno voleva azzardare previsioni sul futuro. Manfred Baden: "Con i numeri del coronavirus in aumento in tutto il mondo, non è possibile fare previsioni. Dobbiamo tenere d'occhio la situazione, in modo da poter reagire rapidamente quando se ne presenterà la necessità". Jean-Francois Bouveyron è della stessa opinione: “La situazione ci costringe ad essere estremamente agili. Ci troviamo di fronte a una seconda ondata e vi è un'enorme incertezza sulla fine dell'anno ".

Commenta