26.9 C
Napoli
sabato, 20 Luglio 2024
  • Corpo farfallato auto: prezzi e caratteristiche

    Corpo farfallato auto: prezzi e caratteristiche

    Hai mai sentito parlare di corpo farfallato? In questo articolo vediamo cos’è, come funziona, cosa fare quando è sporco e quanto costa.

    Che cos’è il corpo farfallato della macchina e come funziona

    Il corpo farfallato è una componente fondamentale del sistema di alimentazione del motore di un’auto, specialmente in quelle con iniezione di carburante. Questo dispositivo regola la quantità di aria che entra nel motore attraverso l’aspirazione. Situato tra il filtro dell’aria e il collettore di aspirazione, il corpo farfallato include una valvola, spesso chiamata “farfalla”, che si apre e chiude per controllare il flusso d’aria.

    Quando l’acceleratore viene premuto, la farfalla si apre permettendo maggior aria di entrare, il che aumenta la potenza del motore. Al contrario, quando l’acceleratore viene rilasciato, la farfalla si chiude, limitando il flusso d’aria e riducendo la potenza. Questa azione consente al conducente di controllare la velocità del veicolo.

    Il corpo farfallato è dotato anche di un sensore di posizione della farfalla (TPS), che invia informazioni relative alla posizione della farfalla al computer di bordo del veicolo. Il computer, a sua volta, usa queste informazioni per calibrare l’iniezione del carburante e ottimizzare il rapporto aria-carburante, garantendo così un funzionamento efficiente del motore. Un malfunzionamento del corpo farfallato può causare problemi come instabilità al minimo, perdita di potenza, consumo eccessivo di carburante o difficoltà di accelerazione.

    Può sembrare difficile da pronunciare, ma il rapporto stechiometrico è la funzione primaria di un corpo farfallato, ovvero determinare la corretta proporzione tra parti d’aria e di carburante aspirati nel motore. È un elemento meccanico cruciale quindi per il funzionamento dei motori a combustione interna e in genere non necessita di manutenzione, eccezion fatta per la semplice pulizia.

    Non è soggetto ad un’usura tale da determinarne la sostituzione periodica. Eventuali “guasti” potrebbero coinvolgere il motorino elettrico che aziona la valvola oppure il filtro dell’aria. Se dovessero verificarsi eventuali perdite, c’è il rischio di scompensi nel passaggio della quantità d’aria necessaria.

    Come capire se il corpo farfallato è sporco?

    Bisogna però fare attenzione ai possibili sintomi del corpo farfallato sporco, in particolare rispetto alle irregolarità nel minimo (che può risultare balbettante e poco fluido) a causa della formazione di morchia che ostruisce parzialmente il condotto e limita lo spazio di apertura e chiusura della valvola

    In casi del genere è bene procedere alla pulizia corpo farfallato, un’operazione che si può effettuare anche in autonomia. Innanzitutto, è necessario scollegare il corpo farfallato dal tubo del filtro d’aria e da quello del recupero dei vapori.

    Fatto ciò, si può procedere a smontare il bocchettone, svitando le viti che lo ancorano al gruppo termico per poi staccare le connessioni elettriche (se l’auto è stata prodotta dopo il 2003, l’acceleratore è elettronico, ovvero senza il filo che lo collega alla valvola).

    Come pulire il corpo farfallato della macchina

    Una volta smontato, il corpo farfallato può essere pulito utilizzando della semplice benzina, facendo attenzione a non lasciar entrare particelle di sporco che potrebbero finire nei cilindri, creando danni ben più seri.

    Approfittando dell’assenza del corpo farfallato all’interno della propria sede, si può effettuare anche una rapida pulizia dei fori del collettore di aspirazione e degli altri dispositivi deputati al passaggio dell’aria nel motore. In alternativa, si può optare per una soluzione più pratica benché meno efficace: senza smontare interamente il meccanismo, si possono utilizzare specifici prodotti detergenti da immettere direttamente nel condotto mentre il motore è acceso (e tenuto leggermente in accelerazione). 

    Se i problemi al minimo (meno di 1000 giri al minuto) dovessero persistere anche dopo un’accurata pulitura della valvola, forse siamo in presenza di un corpo farfallato da sostituire. E potrebbe derivare dall’usura dell’alberino della valvola, ovvero il perno che consente all’otturatore di ruotare e quindi aprire e chiudere il condotto. 

    Il procedimento fai dai te è lo stesso da seguire per la pulizia (in termini generici, dal momento che ogni motore presenta specifiche tecniche leggermente diverse).

    Se ci si rivolge ad un’officina, al costo della componente meccanica va aggiunto quella della manodopera, che varia in base alle tariffe applicate dalla singola azienda.

    I prodotti di marche note sul mercato possono costare tra i 30 ed i 150 euro mentre gli esemplari più costosi arrivano a sfiorare i 400 euro.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie