13.7 C
Napoli
giovedì, 22 Febbraio 2024
  • Pompe acqua elettriche ausiliarie: come funzionano

    Le pompe acqua elettriche consentono di raffreddare e mantenere costante la temperatura di un motore a combustione interna elettricamente, senza avvalersi dell’azione della cinghia. Sui motori sovralimentati mediante turbocompressore, ma anche per le batterie dei veicoli elettrici, sono utilizzate sempre più spesso delle pompe acqua elettriche ausiliarie che hanno il compito di raffreddare anche l’olio del cambio e regolare la temperatura interna dell’abitacolo.

    In un futuro non molto lontano il mercato delle pompe acqua elettriche crescerà in media dal +13% al +16%, entro il 2030 tante nuove realtà potranno operare in questo settore visti i cambiamenti in atto nell’automotive.

    I veicoli elettrici ma anche quelli ibridi rispetto ai motori a combustione interna, si riscaldano molto più velocemente e necessitano dunque di sistemi di raffreddamento sempre più efficaci e pronti ad ottimizzare la durata e resistenza delle batterie.

    Sulle vetture di nuova generazione il sistema di raffreddamento a liquido azionato da una pompa elettrica, si è dimostrato molto efficace.

    Il ruolo fondamentale delle pompe acqua elettriche è anche quello di resistere alle numerose sollecitazioni che arrivano dal motore e dai componenti meccanici della vettura, lavorando immerse nel liquido refrigerante.

    Nel 2021 la NTN Europe ha progettato una nuova tecnologia per i cuscinetti delle pompe elettriche che consente di ridurre del 330% l’attrito e quindi di consumare meno rispetto alle soluzioni offerte dai concorrenti.

    Le pompe ausiliarie hanno quindi un ruolo essenziale da svolgere affinché i veicoli elettrici possano beneficiare della ricarica rapida che rappresenta, assieme alla potenza e all’autonomia chilometrica, il futuro di questo mercato“. 

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie