20 C
Napoli
martedì, 25 Giugno 2024
  • E’ NATA DR: LA NUOVA CASA AUTOMOBILISTICA ITALIANA

    A Isernia,nel Molise,nasce una nuova società automobilistica.E’ la “DR”. A volerla è un ex pilota di 46 anni,Massimo Di Risio,di Isernia, sposato,due gemelli, da cui la sigla.

    La passione per le auto, la conoscenza precisa del mercato e la capacità imprenditoriale, hanno già portato la DR a fare il proprio debutto come casa automobilistica alla 31ma edizione del Motorshow di Bologna.

    DR3 DR5
    Le prime a debuttare sul mercato italiano ed europeo sono la dr 3 e le dr 5, due diversi modelli di SUV, un tre e un cinque porte, costruiti in Italia, ad Isernia, dove ha sede il quartier generale del gruppo DR.

    La cura dei particolari e la scelta dei materiali rispecchiano in pieno quello che è il gusto italiano. La pulizia delle linee, la semplicità delle forme, tutto è mirato a raggiungere un risultato piacevole nel tempo e coerente con la filosofia della marca.

    Infatti, pur non avendo rinunciato a nulla sia dal punto di vista dei contenuti tecnologici e sia dal punto di vista estetico, le due dr hanno un prezzo molto competitivo. Nasce così un prodotto nuovo, che risponde ad una richiesta di economicità unita a qualità ed estetica elevate

    COME NASCE L’IDEA
    L’idea di costruire automobili viene a Di Risio dalla grande conoscenza dei vari mercati nel mondo. “Ci siamo resi conto -dice- che diversi marchi di auto blasonati fanno produrre alcuni componenti,anche di qualità,in Cina. Di qui, il desiderio di realizzare nuove auto assemblando i componenti di migliore qualità:cinesi,giapponesi,americani e europei.
    Ma il 68 % di essi è italiano”.

    DI RISIO:BUONA QUALITÀ E PREZZI BASSI
    Il presidente della DR,Di Risio espone il suo progetto ambizioso:”Produrremo 5 modelli da qui al 2009.Tutti basati su tre punti di forza:una meccanica di alto livello,in linea con la concorrenza, buona qualità dei componenti e, in fine, prezzi del tutto concorrenziali”.

    CAMBI AUTOMATICI AMERICANI
    Un Telaio cinese accoppiato a un motore collaudato Fiat,con carrozzeria sempre prodotta in Italia e componenti fabbricati in tutto il mondo:così,De Risio descrive la costruzione delle sue auto. E senza dirlo fa capire che “non sono tutte cinesi”.”Ad esempio,i cambi automatici saranno solo di provenienza Usa”


    Articolo pubblicato sul sito www.viaroma100.net in data 04/03/07

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie