11.7 C
Napoli
venerdì, 01 Marzo 2024
  • Nel Centro Tecnico XMaster di Casalnuovo di Napoli, anteprima sui nuovi corsi di aggiornamento

    Centro Tecnico XMaster - Casoria

    Il mercato dell’automotive è in continua evoluzione, nuove sfide tecniche attendono le officine e riparatori, così i tecnici Autodis XMaster stanno preparando dei nuovi corsi di aggiornamento per le future tappe del XMaster Tour 2024.

    Siamo stati a Casoria (Napoli), nel centro tecnico XMaster dove i responsabili e tecnici di Autodis XMaster sono intenti a mettere a punto un nuovo programma di aggiornamento frutto anche della loro recente esperienza vissuta in Spagna. Durante questo incontro sono state approfondite e affrontate nuove tematiche relative alla gestione e riparazione di centraline e componenti elettronici presenti sulle vetture di nuova generazione.

    Durante le nostre riprese, i tecnici XMaster hanno volutamente provocato una serie di errori al circuito elettrico di un’auto, una Seat Leon 1.6 alimentata a benzina (Gruppo Volkswagen), al fine di poter effettuare gli interventi di ripristino e spiegare alle officine come intervenire e risolvere guasti e noie elettroniche.

    Giovanni di Maggio Responsabile Tecnico XMaster Autodis Group: “Dopo l’esperienza fatta in Spagna con i colleghi di Grup Eina che ci hanno trasferito tutte le nozioni tecniche riguardante la nostra vettura del corso di quest’anno, una Seat Leon, abbiamo organizzato nella nostra sede di Casalnuovo un trainer per trasferire tutte le nozioni apprese in Spagna a tutti i colleghi nostri formatori.
    Nel frattempo, stiamo continuando lo studio per cercare di ottimizzare e allinearci sulla modalità di formazione per i nostri corsisti in tutta Italia. Abbiamo iniziato studiando quella che è la vettura, quelli che sono i vari sistemi sia motoristici che di comfort e da li abbiamo iniziato a creare i guasti che sono stati previsti dai colleghi di Grup Eina così da poter trovare una metodologia corretta e uniforme per trasferire le nozioni tecniche e non solo, ma anche le metodologie per la ricerca guasti con l’ausilio delle attrezzature, quindi utilizziamo le diagnosi più comuni che sono in commercio, oscilloscopio, banca dati, così da seguire in tutta il processo di ricerca del guasto il corsista per arrivare alla sua soluzione. Creiamo una forma mentis per il corsista per arrivare al gusto.
    Una tipologia di lavoro ambiziosa e innovativa perché cerchiamo di ricreare ciò ce succede in officina, arriva una vettura con il guasto e il meccanico deve comunque risolverlo, magari può accadere che in quel momento deve apprendere un nuovo sistema per affrontare un guasto che non conosce o che non ha affrontato durante il corso. Una metodologia innovativa ma che è molto utile all’autoriparatore.
    Tra i diversi produttori c’è un modo diverso di interpretare i sistemi elettronici. L’anno scorso ci siamo dedicati al mondo Stellantis, quest’anno ci concentriamo il Gruppo Volkswagen, su questa vettura ci sono dei sistemi innovativi e che non abbiamo affrontato le scorse volte, ad esempio il servofreno elettrico, la gestione termica del motore etc.. per questo la nostra scelta è ricaduta su di un modello VW
    ”.

    Vincenzo De Martino Tecnico General Auto: “Oggi sono stato informato sul nuovo corso proposto da XMaster ovvero XSEA, un corso orientato alla risoluzione del guasto generato da un tablet Android in automatico sulla vettura. Lo scopo principale del corso è quello di approcciare alla risoluzione del guasto attraverso l’ausilio di oscilloscopio, diagnosi e schemi elettrici, con una strategia basata sul ragionamento, ad esempio quando la diagnosi ti dà un errore sconosciuto, in questo caso bisogna conoscere e approcciarsi in un modo preciso sulla struttura della macchina.
    La comodità di avere una macchina laboratorio come questa e poter accedere a qualsiasi tipo di segnale o comunque alimentazione in maniera rapida proprio perché tutti i pin della centralina e componenti sono esposti senza smontare nulla, permettendo di effettuare questa tipologia di analisi
    ”.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie