Automotive

Più di 20mila italiani con 0 punti sulla patente

Punti patente in italiaTra le varie ricerche ed analisi effettuate da facile.it (ed a seguito dell’articolo sul saldo punti patente) parliamo oggi delle regioni italiane con la percentuale maggiore di patenti a 0 punti (sul totale di quelle attive).

Partiamo da principio. Il 1 luglio 2003 in Italia veniva introdotta una modifica al codice della strada: la patente a punti. Il saldo iniziale è di 20 punti e ad ogni infrazione ne vengono scalati alcuni, se riusciamo ad avere una buona condotta alla guida, ogni due anni si aggiungono due punti, fino ad arrivare ad un massimo di 30.

Più di 20.000 automobilisti italiani hanno azzerato i loro punti patente!

Per realizzare questa analisi, facile.it si è occupato di raccogliere i dati ufficiali del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti risalenti a maggio 2017.

In termini percentuali, al primo posto tra le regioni italiane con patenti a 0 punti troviamo il Friuli Venezia Giulia (0,070), succeduta dalla Calabria (0,067) e la Campania (0,065). I dati sono stati rilevati mettendo in rapporto il numero totale dei residenti abilitati alla guida con quelli che hanno esaurito i 20 punti.

In termini assoluti invece al primo posto abbiamo la Lombardia con il maggior numero di patenti a 0 punti, parliamo precisamente di 3.991 patenti, 1.802 in più rispetto alla Campania con 2.195, il Piemonte ne conta 1.347. (Ci rincuora sapere che stavolta la Campania non detiene il primato)

Inoltre gli uomini con 0 punti sulla patente sono lo 0,083 per cento rispetto allo 0,010 per cento delle donne.

Per quanto concerne il rapporto tra punti patente e premio RC Auto, in Italia esiste il Bonus Malus che si basa sul comportamento dell’automobilista in termini di incidenti e infrazioni. Il numero di sinistri per regione è in stretta relazione con il costo dei premi RC Auto, dunque la perdita di punti e la sospensione della patente sono sintomo di pericolosi comportamenti alla guida che possono portare ad incidenti e quindi il tutto impatta sul costo dell’assicurazione.

«Cambiare classe di merito - dichiara l’Amministratore Delegato di facile.it, Mauro Giacobbe - comporta un aggravio di costo che può essere pari anche ad oltre il 15% del premio precedente. Se consideriamo poi il caso di un automobilista cui negli ultimi 5 anni è stata ritirata la patente o che ha meno di 20 punti su di essa, alcune compagnie applicano maggiorazioni davvero importanti e il best price disponibile aumenta di oltre il 10%; per un automobilista quarantenne in terza classe di merito che guida a Milano un’utilitaria di cilindrata 1.2, passa da 239,43 euro a 264,00 euro» 

Di seguito due tabelle in cui è possibile confrontare i dati in percentuale sia sul totale di patenti attive, che sul totale patenti attive a 0 punti:

 

Tabelle Classifica regioni con meno punti patente

Costanza Tagliamonte

Commenta