18.8 C
Napoli
mercoledì, 22 Maggio 2024
  • Paolo Pininfarina: si è spento lo storico Presidente

    Paolo Pininfarina

    Sono due i principali capolavori di Paolo Pininfarina, storico presidente dell’omonima azienda torinese di auto, morto il 9 aprile a 65 anni.

    Quando nel 2008, dopo la  scomparsa improvvisa del fratello Andrea, divenne Presidente di Pininfarina spa, dopo il ruolo di vice, ha tenuto a battesimo due vetture a cui è rimasto particolarmente legato per tutta la vita: la concept car barchetta biposto Sergio, realizzata in memoria del padre – il senatore a vita Sergio Pininfarina – e la hypercar elettrica Automobili Pininfarina Battista, che porta il nome del nonno e che egli stesso ha svelato al Salone dell’Auto di Ginevra.

    La Ferrari Sergio è stata prodotta dalla casa automobilistica italiana Ferrari in collaborazione con Pininfarina

    Presentata nel 2013 al Salone dell’automobile di Ginevra, è basata sulla piattaforma della Ferrari 458 Spider e monta un motore V8 da 4,5, in grado di erogare una potenza di oltre 600 CV. L’estetica ha linee aggressive e un profilo aerodinamico ottimizzato per massimizzare le prestazioni in pista. La produzione della Ferrari Sergio è stata limitata a soli sei esemplari, tutti costruiti su ordinazione per clienti selezionati.

    La Pininfarina Battista invece è elettrica e presentata al Salone dell’auto di Ginevra nel 2019. Il modello è dotato di un sistema di trazione elettrica che eroga una potenza di oltre 1.900 CV, consentendo un’accelerazione da 0 a 100 km/h in meno di 2 secondi e una velocità massima di oltre 350 km/h.

    La batteria agli ioni di litio fornisce un’autonomia di circa 500 chilometri. Il design della Pininfarina Battista è stato curato per combinare eleganza e aerodinamica, con linee fluide, mentre l’abitacolo è stato progettato con materiali di alta qualità e tecnologie all’avanguardia, offrendo comfort e connettività avanzata per il conducente e i passeggeri.

    Dietro questi capolavori di design e potenza vi è tutto il percorso umano e professionale dell’ingegnere Pininfarina che rispecchia i valori e la tradizione dell’azienda di famiglia, ma guardando al futuro nel nome dell’innovazione.

    Paolo Pininfarina nasce a Torino il 28 agosto 1958.

    La sua formazione prevede una Laurea in Ingegneria meccanica presso il Politecnico di Torino. Poi inizia una serie di esperienze formative e professionali all’estero, tra cui in Cadillac, Honda e General Motors. Nel 1982 inizia poi il suo percorso professionale in Pininfarina e nel 1987 assume la carica di presidente e amministratore delegato della Pininfarina Extra, società del gruppo specializzata in design industriale, arredamento, architettura, nautica e aeronautica.

    Dal 1988, entra nel Consiglio di Amministrazione e dal 2002, diventa membro del Comitato di direzione della capogruppo Pininfarina. Nel 2006, viene nominato vice presidente di Pininfarina e nel 2008 assume la posizione di presidente, raccogliendo la pesante eredità del fratello Andrea.

    La sua scomparsa rappresenta per l’azienda e per l’italia una grave perdita. Tra i messaggi di cordoglio, sicuramente emblematico è quello dell’amministratore delegato Silvio Angori: “Siamo tutti estremamente riconoscenti all’ingegnere Pininfarina per il suo straordinario contributo all’Azienda e per essersi sempre speso con passione, in prima persona, per tutelare la nostra storia e la nostra identità aziendale sia in termini di stile che di scelte etiche e comportamentali”, ha detto.  “Gli sono personalmente grato per avermi confermato alla guida dell’Azienda, in seguito alla scomparsa di Andrea Pininfarina nel 2008. In questi anni abbiamo condiviso tanti trionfi e anche tante sfide, sempre consigliandoci e sostenendoci a vicenda. Il modo migliore per onorare la sua memoria è continuare, come lui vorrebbe, ad impegnarci al massimo per il futuro della Pininfarina“.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie