Automotive

Stenta a crescere il mercato auto

Ancora in difficoltà il mercato auto nazionaleAncora in difficoltà il mercato auto nazionale.

Secondo i dati pubblicati  dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, a giugno 2021 il mercato italiano dell’auto totalizza 149.438 immatricolazioni (+12,6%) contro le 132.691 unità registrate a giugno 2020 che, pur con qualche primo timido segnale di ripresa, perlopiù dovuto allo smaltimento di ordini rimasti inevasi prima della chiusura dei concessionari in fase di lockdown, aveva chiuso a -23,1%.

Se confrontiamo il mercato auto con quello di giugno 2019, le nuove autovetture risultano in calo del 13,3%

I volumi immatricolati nel primo semestre del 2021 ammontano, così, a 884.750 unità, il 51,4% in più rispetto ai volumi del periodo gennaio-giugno 2020 (-18,3% rispetto al primo semestre del 2019). Analizzando nel dettaglio le immatricolazioni per alimentazione, prosegue il declino delle autovetture diesel e benzina, la cui fetta di mercato si riduce progressivamente a favore delle ibride ed elettriche. Le autovetture diesel, in calo a giugno del 29,3% per il quinto mese consecutivo, non superano la soglia del 25% di quota e rappresentano il 22,3% del mercato del mese e il 23,8% del mercato nei primi sei mesi del 2021 (era il 34,7% nella prima metà del 2020).

In calo anche il mercato di auto a benzina

Si registra un -14,4% e 30,4% di quota a giugno, ma in crescita del 13,1% nel primo semestre, con il 32,3% di quota. Le immatricolazioni delle vetture ad alimentazione alternativa, di contro, raggiungono una quota del 47,4% a giugno 2021, in crescita del 116,7%, e del 43,9% nei primi sei mesi, +201,3%. Le auto elettrificate rappresentano più di un terzo del mercato (36,8% nel mese e 35,2% nel cumulato). Tra queste, le ibride non ricaricabili aumentano del 152,8% a giugno, e rappresentano il 27,1% del mercato del mese (per il quinto mese consecutivo una quota più alta rispetto al diesel), e del 27,3% nel cumulato. Le ricaricabili, in crescita del 273,9% nel sesto mese dell’anno, raggiungono il 9,7% di quota a giugno e il 7,8% nel semestre (le ibride plug-in il 5% nel mese e il 4,4% nel cumulato, e le elettriche il 4,7% nel mese e il 3,4% nel cumulato). Infine, le autovetture a gas rappresentano il 10,6% del mercato del sesto mese del 2021 e l’8,7% del mercato dei primi sei mesi e, tra queste, le vetture Gpl hanno una quota di mercato dell’8,2% nel mese e del 6,4% nel cumulato e quelle a metano del 2,4% nel mese e del 2,3% nei primi sei mesi.
Continuano le ottime prestazioni di Fiat Panda, Lancia Ypsilon e Fiat 500 ibride, che occupano, rispettivamente, primo, secondo e quarto posto nel segmento mild/full hybrid. Tra le PHEV, Jeep Compass conquista la prima posizione nella classifica delle vendite, sia a giugno che nel semestre, mentre Fiat 500 è il modello più venduto tra quelli elettrici del primo semestre 2021.

Il mercato  auto per segmenti

Nel mese di giugno le autovetture utilitarie e superutilitarie, secondo lo studio, rappresentano il 39,8% del mercato, mentre nei primi sei mesi di quest’anno la loro quota è del 39,9%. Il modello più venduto è sempre Fiat Panda, con Lancia Ypsilon e Fiat 500 che occupano terza e quarta posizione. Le auto dei segmenti medi hanno una quota di mercato dell’11,9% a giugno e dell’11,4% nella prima metà del 2021, con Fiat Tipo al primo posto, sia nel mese, sia da inizio anno. I SUV hanno una quota di mercato pari al 42,2% nel mese di giugno e al 43,3% nel cumulato. Nel dettaglio, i SUV piccoli rappresentano il 19,6% del mercato del mese (Fiat 500X il modello più venduto, con Jeep Renegade al quarto posto e Peugeot 2008 al quinto), i SUV compatti il 16,9% (al primo posto Jeep Compass e al terzo posto Peugeot 3008), i SUV medi il 4,7%, mentre le vendite di SUV grandi sono l’1,1% del totale. Il 28,8% delle vendite di SUV riguardano autovetture del Gruppo Stellantis.

Commenta