30.3 C
Napoli
sabato, 20 Luglio 2024
  • Abolizione bollo auto, sicuro che conviene?

    Sembra prendere sempre più piede l’idea di eliminare il bollo auto. Il premier Matteo Renzi, nella diretta social dello scorso 4 marzo (#matteorisponde), ha espressamente manifestato l’idea di abolire l’odiata tassa che nel 2015, secondo quanto riportato da un articolo della Gazzetta dello Sport ha portato nelle casse delle Regioni più di 6 miliardi di euro. Ma c’è un però. Il presidente del Consiglio dei Ministri penserebbe ad un’abolizione del bollo compensata da un aumento delle accise sulla benzina. “Così  – dice e spiega –  pagherebbe solo chi usa, consuma e inquina". Ma la proposta sembrebrebbe non andar giù agli italiani, scatenando un polverone su twitter. Sul microblogging, l’hashtag #bolloauto è invaso da tweet che parlano di bluff, di pessima idea o di vantaggi solo per chi percorre pochi chilometri (chi dunque prende l’auto tutti giorni, mancindano chilometri su chilometri, sarebbe dunque penalizzato). “La politica parla spesso di detassare il mondo dell’auto” – evidenzia in proposito Pierluigi Bonora caporedattore de ‘Il Giornale’  che si occupa di economia con una specializzazione nell’automotive. “Ma – continua – a parte qualche rara eccezione (la più recente è il “superammortamento” dell’ultima Legge di Stabilità), alla proposta iniziale non seguono mai fatti. Non ultima la recente idea del Governo di abolire il bollo aumentando nuovamente le accise sui carburanti. Meccanismo, non particolarmente virtuoso, né creativo, che non farebbe altro che spostare la fonte della tassazione, appesantendo ulteriormente il costo dei carburanti che già risentono di accise”.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie