Ricambi auto

Come controllare le balestre dell’auto




Come controllare le balestre auto? Esse rischiano di usurarsi poiché gli elementi che le costituiscono sono 
soggetti a interazione. Le balestre dovrebbero dunque essere sottoposte a un controllo periodico ogni 20mila chilometri circa.

 

 

 


 

Gli arnesi che servono

Per controllare le balestre auto nel modo corretto occorrono

-cric e cunei

-rampe e sostegni

-prodotto sgrassante per motore

-spazzola vecchia di setola dura e spazzola metallica

-stracci assorbenti e guanti

-lubrificante siliconico e chiavi aperte e a bussola

-martello di gomma e antiruggine

-rivestimento sigillante per sottoscocca

 

Come effettuare il controllo

Fatto ciò,  è necessario parcheggiare l’auto in piano. Essa dovrà avere gli pneumatici gonfi alla pressione prescritta, il peso corrispondente a quello in ordine di marcia, inoltre il serbatoio dovrà essere completamente pieno e senza passeggeri a bordo. A questo punto, inginocchiatarsi per controllare che tra il suolo e le estremità laterali della scocca ci sia eguale distanza. Se ci accorge che un lato ha un’altezza diversa rispetto all’altro, ciò sarà un chiaro segnale che la balestra corrispondente è danneggiata.
 

Spostatarsi, poi, a lato dell’automobile verificando la posizione dei biscottini, cioè se sono posti in corrispondenza dell’estremità anteriore della balestra o interposti tra l’occhio posteriore e l’attacco della scocca. I biscottini devono trovarsi sempre in posizione verticale. Se invece sono posizionati inclinati, in avanti o indietro, significa che la balestra è snervata. Ora è necessario sollevare l’auto, togliendo prima le borchie coprimozzo e allentando i dadi o le viti di fissaggio delle ruote posteriori. Sistemare, quindi, i cavalletti di sicurezza sotto la scocca e mettete i cunei alle ruote anteriori prima di provvedere a rimuovere quelle posteriori. Dopo di che pulirli perché possono essere arrugginiti con un prodotto sgrassante. Controllare le balestre auto può essere parecchio complicato, pertanto si suggerisce di portare l’auto in officina per una verifica più accurata.
 

Rubrica a cura di www.pitstopadvisor.com

Commenta