Sicurezza e salute

Quando guidi, #GuidaeBasta

L’hashtag coniato è #GUIDAeBASTA. Ed è anche il claim che dà il nome alla neo campagna sulla sicurezza stradale che vuole sensibilizzare gli automobilisti sulle possibili gravi conseguenze derivanti da comportamenti scorretti. Attori di questa nuova iniziativa sono Anas e Polizia di Stato. Anche se l’auto di oggi, con la sua tecnologia a bordo, tende ad aumentare sempre più i livelli di sicurezza (riducendo dunque i fattori di distrazione come quello di rispondere al telefono mentre si guida: un bluetooth di default scongiurerebbe questo pericolo), è ancora in voga questa pessima abitudine. Lo testimoniano i dati sulle infrazioni. Molte delle quali generate proprio dalla distrazione. Tra quelle più ricorrenti c’è l’utilizzo dello smartphone: 48.524 sono le inosservanze commesse nel 2015 per il mancato utilizzo di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare, il 20,9 per cento in più rispetto al 2014. Da qui muove la campagna di sensibilizzazione. Testimonial è La Pina, rapper e voce storica di Radio Deejay, che è anche media partner dell’iniziativa. Lo stile della comunicazione adottata è quello di parlare in modo diretto agli automobilisti, usando un linguaggio accattivante volto a far crescere la consapevolezza dei pericoli legati ad una guida distratta. Uno spot mostra le possibili gravi conseguenze derivanti da comportamenti scorretti, usando tuttavia un tono comunicativo leggero e ironico. Che non vuole impartire lezioni né fare la morale.

Commenta