Sicurezza e salute

Covid-19, Brembo sostiene la ricerca

brembo sostiene la ricercaBrembo scende in campo contro il Covid-19.

Lo specialista mondiale del frenante decide di supportare la ricerca e devolve 1 milione di euro a 3 eccellenze della bergamasca, l’Ospedale Papa Giovanni XXIII, la Fondazione per la Ricerca Ospedale di Bergamo (FROM) e l’Istituto Mario Negri. Strutture sanitarie che si stanno impegnando nell’area più colpita dalla pandemia, combinando la ricerca clinica con quella farmacologica. Ospedale Papa Giovanni XXIII, Fondazione FROM e Istituto Mario Negri stanno lavorando congiuntamente a tre linee di ricerca che partono da evidenze provenienti da studi clinici esistenti. Questo sforzo congiunto potrebbe portare in tempi molto brevi a un contrasto efficace al virus, riducendo significativamente il numero di pazienti da trattare negli ospedali. “Dopo una prima donazione, orientata anche a sostenere reparti di cura dell’Ospedale di Bergamo, abbiamo deciso di concentrare i nostri sforzi sulla ricerca per trovare in tempi ragionevolmente rapidi una terapia farmacologica per contrastare il Covid-19”, evidenzia Alberto Bombassei, presidente di Brembo. “La ricerca  –aggiunge -  è il nostro modo di fare impresa e crediamo che sia l’unica strada percorribile per trovare una soluzione efficace a questa situazione così difficile”.  “In  questo momento - spiega il professore Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri -  è di fondamentale importanza comprendere i meccanismi di azione del virus nell’organismo. Siamo convinti che anche grazie alla generosità di Brembo questo sforzo potrà portare in tempi relativamente brevi a identificare i danni provocati dal virus riducendo in questo modo il numero di ammalati che avranno bisogno di cure intensive”. La donazione Brembo vuole essere un esempio di sostegno alla ricerca, che ci si augura venga seguito da numerose altre realtà imprenditoriali, allo scopo di giungere velocemente ad una risoluzione di questa difficile situazione.

Commenta