21.7 C
Napoli
martedì, 18 Giugno 2024
  • Sos per l’aftermarket italiano

    Inizio d'anno in rosso per il mercato italiano delle auto usate: l'aftermarket sta a guardareSos per l’aftermarket nostrano.

    Inizio d’anno in rosso per il mercato italiano delle auto di seconda mano. Secondo il bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, i passaggi di proprietà delle quattro ruote, al netto delle minivolture (trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), nel mese di gennaio hanno registrato un calo del 6,9% rispetto all’analogo mese del 2019, che pur riducendosi ad un -2,5% in termini di media giornaliera per effetto della presenza di una giornata lavorativa in meno, resta comunque in terreno negativo. Per ogni 100 vetture nuove nel mese di gennaio ne sono state vendute 175 usate. Alla costante diminuzione delle prime iscrizioni di vetture diesel (-16,9% a gennaio rispetto allo stesso mese del 2019) nel primo mese dell’anno si è accompagnata per la prima volta una parallela diminuzione dei passaggi di proprietà delle auto a gasolio (-11,5% a gennaio rispetto allo stesso mese del 2019), che hanno così ridotto di circa tre punti percentuali la loro quota sul totale (dal 51,3% del 2019 al 48,7% nel 2020). Un’avvisaglia di qualcosa di più complesso e critico che potrebbe inficiare il business dell’aftermarket nazionale? Al momento è solo un segnale embrionale che non deve procurare alcuna sorta di allarmismo. Ma su cui bisogna tenere alta l’attenzione.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie