Ricambi auto

Autoricambi: c'è un'altra truffa online

Autoricambi: ancora una truffa online  Ancora una truffa che vede ‘protagonisti’ gli autoricambi sul web. Vittima questa volta è un 60enne di Fabriano (Ancona). L’uomo ha ordinato online, su un portale ad hoc,  dei pezzi di ricambi: 2 kit per airbag, guidatore e passeggero, una centralina e un cruscotto. Il tutto per un valore complessivo di 1.000 euro. Ma quando il pacco è arrivato a casa, ecco l’amara sorpresa. La merce è risultata seriamente danneggiata, quando invece l’annuncio di vendita prometteva ricambi auto come nuovi. “Il venditore – come riporta la testata giornalistica CentroPagina -  si è rifiutato di restituire tutti i soldi, avanzando una proposta di rimborso di sole 200 euro e affermando con spavalderia che, se non fosse stato sufficiente, il 60enne avrebbe potuto rivolgersi ad un legale. E l’uomo, ritenendo di essere stato vittima di un’ingiustizia, ha deciso di seguire il consiglio, rivolgendosi ai poliziotti del Commissariato di Fabriano”. Da qui è scattata un’accurata attività investigativa. I militari sono riusciti a risalire al venditore, un torinese di 30 anni, e a verificare l’esistenza della reato di truffa. Ma c’è di più.  Il 30enne sarebbe stato anche indagato per ricettazione “per aver inviato – si legge nel prosieguo dell’articolo -  ricambi d’auto risultati poi essere rubati”.

Commenta