23.3 C
Napoli
venerdì, 24 Maggio 2024
  • Reggispinta frizione per una trasmissione fluida

    Reggispinta frizione

    I reggispinta frizione di qualità, insieme a una corretta regolazione e manutenzione, evitano problemi di slittamento e migliorano la guidabilità. Anche se le trasmissioni automatiche si stanno diffondendo sempre di più, sono ancora moltissimi i veicoli che hanno il cambio manuale o robotizzato, gruppi meccanici simili.

    Essi hanno quindi la frizione meccanica e il cuscinetto reggispinta, un componente senza il quale la frizione non potrebbe funzionare. In effetti quando premiamo il pedale della frizione vinciamo la resistenza di una molla che ha una forza di centinaia di kg, necessaria perché il disco frizione non slitti sul volano.

    Il pedale è collegato a una forcella che amplifica la forza che applichiamo sul pedale stesso ma essa è fissa mentre il disco frizione gira: come avviene quindi il trasferimento della forza che fa “staccare” la frizione? Questo compito è proprio quello svolto dal reggispinta frizione, un cuscinetto (generalmente a rulli o rullini) che trasferisce la forza applicata al pedale della frizione sulla molla a diaframma, permettendo lo stacco e la modulazione della frizione.

    È ormai da molto tempo che il comando della frizione recupera automaticamente l’usura del disco in modo che il gioco del pedale rimanga lo stesso. Quindi il cuscinetto reggispinta, nelle frizioni azionate con un cavo, non è soggetto a regolazioni e al massimo viene sostituto se usurato, a volte per un montaggio errato. Il discorso cambia se il reggispinta frizione è ad azionamento idraulico, una soluzione abbastanza diffusa usata per superare i limiti delle soluzioni a cavo flessibile.

    In questo caso il reggispinta frizione viene mosso da un cilindro idraulico, azionato da una pompa collegata al pedale della frizione. C’è quindi un circuito idraulico simile a quello dei freni che può quindi avere esigenze manutentive simili. Ci possono quindi essere perdite di fluido idraulico o la presenza di bolle di aria nel liquido mentre la necessità di sostituzione periodica del liquido è la stessa richiesta dai freni.

    I sintomi di un reggispinta frizione difettoso

    Un reggispinta frizione idraulico bisognoso di manutenzione avrà sintomi quali un pedale che va facilmente a fondo corsa e la difficoltà di inserire le marce, per esempio perché la presenza di bolle d’aria rende il pedale “elastico” e impedisce il corretto stacco della frizione.

    Se il reggispinta frizione è ad azionamento meccanico una possibile fonte di malfunzionamento è l’accoppiamento tra forcella e cuscinetto reggispinta. L’interazione fra i due garantisce l’esatto movimento per la compressione della molla a diaframma: una forcella usurata o un errore di installazione non garantiscono la correttezza di questo movimento generando problemi di innesto con vibrazioni e strappi del complessivo frizione. Uno degli aspetti più cruciali è il posizionamento del cuscinetto reggispinta frizione sulla forcella e la lubrificazione dei punti di contatto.

    Non tutti i reggispinta frizione vanno ingrassati nei punti di contatto con la forcella: quelli con il corpo in materiale composito garantiscono una superficie di contatto con la forcella a basso attrito, rendendo inutile l’applicazione del grasso. Per alcune applicazioni è necessario rispettare inoltre il corretto posizionamento del cuscinetto sulla forcella, dato che è possibile posizionare il cuscinetto a due altezze diverse. Se questo è il caso all’interno della confezione è presente un foglio con istruzioni che indica il posizionamento giusto del cuscinetto reggispinta frizione. Un cuscinetto reggispinta difettoso rende poco fluido l’innesto della frizione e può generare rumori striduli e fischianti.

    L’usura del cuscinetto reggispinta non è necessariamente correlata a un chilometraggio elevato ma, se il montaggio è stato fatto a regola d’arte, dipende più dallo stile di guida del conducente: tenere il piede sul pedale della frizione anche se non si cambia marcia accelera l’usura del reggispinta frizione così come i ripetuti azionamenti imposti dal traffico urbano.

    Può così capitare di dover cambiare il cuscinetto reggispinta anche se la frizione è in buone condizioni; quando si cambia la frizione è invece obbligatorio cambiare anche il reggispinta.

    Nell’uno e nell’altro caso la banca dati di inforicambi.it permetterà di trovare reggispinta frizione e kit completi di pregio e con un rapporto qualità prezzo molto favorevole!

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie