13.7 C
Napoli
giovedì, 22 Febbraio 2024
  • Auto e Moto d’Epoca 2023: un grande successo

    Auto e Moto d'Epoca 2023
    Auto e Moto d’Epoca è stato un successo incredibile.
    Un weekend tutto dedicato ai motori, alle due e alle quattro ruote, l’edizione 2023 di Auto e Moto d’Epoca ha fatto registrare un affluenza superiore ad ogni aspettativa.
    Bologna torna ad essere capitale della Motor Valley grazie alla 40esima edizione del salone “Auto e Moto d’epoca” per l’edizione 2023, la prima che si svolge sotto le Due Torri negli spazi della Fiera, dopo decenni passati a Padova, città in cui la manifestazione è nata e si è affermata.
    Il salone di Bologna si afferma da anni come il più grande mercato di auto e ricambi d’epoca d’Europa, caratteristica principale che rappresenta da anni l’appuntamento internazionale più importante per gli appassionati del genere. Oltre 8mila le auto in esposizione, corredate di pezzi di ricambio originali, con vetture di ogni prezzo e marchio a disposizione dei visitatori. Per ospitare il numero incredibile di vetture in mostra, sono ben quindici i padiglioni da visitare, più sei aree esterne piene di veicoli in vendita.

    Le vetture in mostra ad Auto e Moto d’Epoca 2023

    Una delle protagoniste del salone è indubbiamente Alfa Romeo, il marchio svelerà al pubblico presente a Bologna la 33 Stradale, supersportiva prodotta in appena 33 esemplari che deriva direttamente dalla Tipo 33 del 1967. La stessa casa madre espone anche una GT 1300 Junior del 1967 e una 155 V6 Ti DTM del 1993. A disposizione anche una Alfa Romeo 6C 1750 Sport del 1929, una delle sole cinque in circolazione in questo momento.
    Mercedes proporrà le proprie coupé più iconiche, un vero e proprio viaggio nella storia del marchio negli ultimi quarant’anni: la nuova CLE Coupé, una Mercedes 280 SE degli anni ’60, un esemplare della serie 123 Coupé (CE) che fu prodotta dal 1977 al 1985 fino ad arrivare alla CLK 55 AMG prodotta a cavallo tra il vecchio e il nuovo secolo.
    Non poteva mancare il Polo Storico di Lamborghini – che ha portato anche la celebre Miura P400SV, terza versione del modello prodotto tra il 1971 e il 1972 in 150 esemplari – così come marchi che hanno scritto la storia più o meno recenti come Pagani, Land Rover o McLaren.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie