Interviste

GSP Automotive: il gigante cinese dell'aftermarket internazionale

L'aftermarket della GSP Automotive vanta numeri  significativi.

L'impennata e la crescita del Gruppo, dal 1985 produttore globale di componenti automobilistici per l'aftermarket nel settore dei ricambi auto, è davvero notevole. In 37 anni, la multinazionale cinese ha saputo dare impulso e costruire, tassello per tassello, un aftermarket sempre più strutturato, oragnico e ramificato. Lo status attuale ne è la riprova tangibile. "Con investimenti e prodotti di qualità, siamo cresciuti rapidamente. Il Gruppo GSP AUTOMOTIVE ha ora 4 stabilimenti e 2.300 dipendenti in tutto il mondo. I nostri prodotti vengono esportati in oltre 120 Paesi"  - ci racconta il fondatore nonchè  amministratore delegato di GSP Automotive Group Wenzhou Co. Ltd., Mr. Zhou (nella foto).

GSP Automotive Group, che non esclude l'ipotesi di collocarsi un giorno anche nel mercato OEM, produce semiassi, giunti omocinetici, cuscinetti ruota, componenti di gomma-metallo, nonché componenti dello sterzo e della tiranteria. La gamma di prodotti  copre più di 2.500 giunti omocinetici e più di 1.500 semiassi. GSP produce un'ampia gamma di mozzi e cuscinetti ruota (3,2 milioni all'anno), prodotti di gomma-metallo (6 milioni all'anno) e circa 25 milioni di componenti dello sterzo e della tiranteria. I prodotti GSP possono essere trovati in più di 120 paesi con una copertura del parco auto di circa il 95%.


Come è nata l'idea di fondare un'azienda operante nell'aftermarket?


Ho fondato GSP nel 1985 come primo produttore cinese di bielle e semiassi. Ero un ingegnere capo e supervisionavo tutti i principali processi di produzione. La Cina non aveva mercati di ricambi auto: dovevamo importare tutti i pezzi di ricambio. Non è stato facile, data l'economia totale controllata dal governo, ma ne ho sicuramente compreso il potenziale.
Le riforme cinesi e la politica di apertura hanno dato impulso allo sviluppo dell'aftermarket interno delle automobili. Nel dicembre 2001, la Cina ha aderito ufficialmente alla WTO e la GSP ha iniziato ad aumentare progressivamente la propria quota di mercato internazionale.
Nel 2001 abbiamo aperto la nostra prima filiale estera negli Stati Uniti. Tre anni dopo, abbiamo acquistato uno stabilimento in South Carolina e nel 2006 abbiamo aperto una filiale in Europa.  Dal 2005, attraverso fusioni e acquisizioni, abbiamo gradualmente ampliato la nostra linea di prodotti da cuscinetti ruota e semiassi a sterzo e tiranteria. Attraverso investimenti e prodotti di qualità, siamo cresciuti rapidamente. Il Gruppo GSP AUTOMOTIVE ha ora 4 stabilimenti e 2.300 dipendenti in tutto il mondo. I nostri prodotti vengono esportati in oltre 120 Paesi.


Come è riuscito a diventare un importante e referenziato top player dell'aftermarket?


Fino alla fine degli anni Novanta, il mercato dei ricambi per la trasmissione era dominato da diversi produttori di primo impianto e dai principali produttori di pezzi di ricambio degli Stati Uniti e dell'Europa. Quando GSP è entrato in questi mercati, molte persone si sono rese conto che l'acquisto dei nostri semiassi è più facile e più redditizio rispetto all'ordinazione di costosi ricambi originali che spesso avevano un tempo di consegna molto lungo. E molti clienti non erano felici di acquistare semiassi restaurati. Inoltre, i nostri concorrenti spesso non sono stati in grado di offrire la gamma di prodotti necessaria.
Tenga inoltre presente che GSP produce nuovi semiassi e giunti omocinetici. Grazie al miglioramento della qualità, all'ottimizzazione dei costi, alla pronta soddisfazione della domanda (la capacità di produrre piccoli lotti a un prezzo ragionevole) e a una rete di distribuzione globale, abbiamo sostituito non solo le aziende restauratori, ma anche molti produttori dell’aftermarket.


Qual è il principale vantaggio competitivo della GSP?


La nostra strategia è quella di fornire un'ampia gamma di prodotti di buona qualità e a prezzi accessibili, principalmente per i distributori di primo livello. Forniamo anche prodotti a "riconfezionatori" e produttori OE. I nostri professionisti di vendite si incontrano regolarmente con i clienti per comprendere meglio e soddisfare le loro esigenze nel modo più accurato possibile. Per noi è importante avere un vantaggio competitivo non solo nella qualità dei prodotti e dei servizi, avere ampi magazzini vicino ai clienti, ma anche consegnare tempestivamente ordini più piccoli.
Abbiamo grandi team di esperti di marketing, sviluppatori, ingegneri, esperti di controllo qualità e produzione altamente qualificati. GSP ha magazzini in America e in Europa, vicino ai nostri clienti.Considerando tutti questi fattori, i vantaggi della GSP rispetto ai suoi concorrenti diventano evidenti.

Quali sono le aree che il gruppo GSP considera più promettenti?

GSP continuerà a lavorare per soddisfare i suoi clienti globali nell’aftermarket, utilizzando i vantaggi della produzione cinese. Continueremo a investire in attrezzature, ottimizzare i metodi di gestione della produzione, migliorare il controllo di qualità, espandere la nostra gamma di prodotti e motivare il nostro personale. Abbiamo in programma di espandere ulteriormente la nostra linea di prodotti e aumentare di conseguenza la nostra capacità. Certo, la Cina non è il limite, siamo orientati al mercato globale.


L'azienda prevede di spostarsi verso il mercato OEM?

Stiamo monitorando molto da vicino gli sviluppi tecnologici e le sfide che l'industria automobilistica deve affrontare, il che è estremamente interessante. Forse GSP con le sue catene di montaggio diventerà un produttore OE.


Quali sono i valori aziendali della GSP? Cosa lo rende un ottimo posto di lavoro?


L'ideologia della GSP è quella di aiutare gli altri a raggiungere i propri obiettivi, perché quando lo facciamo, anche noi raggiungiamo i nostri obiettivi. Nonostante il mio status di fondatore della GSP, l'azienda è una piattaforma per me, come per tutti gli altri. L’amministratore delegato è anche solo uno dei membri del team GSP.
Come azienda, vogliamo aiutare i nostri clienti ad avere successo e dobbiamo avere tutte le competenze necessarie per farlo. Un servizio migliore ci aiuta a crescere, consentendo ai nostri clienti di realizzare le loro ambizioni e raggiungere un successo maggiore. Un tale ciclo di relazioni vantaggioso per tutti offre una grande sinergia in tutta la catena.
Il segreto per una grande carriera nella GSP è aiutare gli altri. L'azienda ha molti dipendenti con 10, 20 o anche 30 anni di esperienza e spesso lavorano per noi come intere famiglie. Ne sono molto orgoglioso.

Quali sono le tendenze dell'aftermarket e dell'industria cinese oggi?

Il mercato delle auto nuove in Cina è il più grande ed è cresciuto continuamente dal 2009, raggiungendo quasi 26 milioni di unità lo scorso anno. Il parco macchine nazionale totale è molto più grande e l'età media delle auto è di 5,3 anni. In altre parole, la rapida crescita dell'aftermarket è molto vicina e questo apre grandi opportunità per aziende come la GSP. Prevediamo una migliore struttura dell'aftermarket in Cina, insieme a una crescente domanda di pezzi di ricambio. I nostri concittadini acquistano molto online da aziende come Alibaba e Tencents, quindi dovremo risolvere il problema delle vendite online in Cina in un modo o nell'altro.
GSP opera nell'aftermarket cinese da 30 anni e probabilmente siamo leader di mercato per i giunti omocinetici e semiassi. Una crescita significativa è possibile nel mercato domestico, che siamo pronti a soddisfare come facciamo a livello globale. Abbiamo risorse e professionalità sufficienti per farlo.

 

Cosa significa per lei la fiducia di partner e fornitori?

"Siamo angeli con un’ala sola, solo restando abbracciati possiamo volare." Luciano De Crescenzo descrive in modo appropriato il nostro rapporto con i partner nella sua poesia. Concentrandosi solo sulla produzione e distribuzione, la GSP vola con un’ala sola. I nostri partner, fornitori di componenti e materiali e i nostril partner di distribuzione con tutta la loro esperienza sono la nostra seconda ala. Solo insieme possiamo volare.

 

 

 

Commenta