Interviste

Dayco: nell’aftermarket si vince con innovazione e supporto alla filiera distributiva

DI STEFANO BELFIORE


Innovazione, flessibilità, servizi post vendita commerciali e tecnici. Nell’aftermarket automobilistico sono questi alcuni, ma essenziali, fattori che fanno la differenza in termini di competitività. Lo sa bene Dayco, società da trenta e lode, che di queste vitamine nutre da sempre cuore ed anima aziendale. Lo sprint che ne fuoriesce laurea l’impresa fra i top brand specializzati nella progettazione e produzione di sistemi di trasmissione di potenza per il primo impianto.


Alessio Galletti, responsabile vendita Italia di Dayco, spiega ad Inforicambi traguardi attuali ed obiettivi futuri della company che punta ad una crescita continua “e ad un costante miglioramento – aggiunge - dei servizi messi a disposizione dalla filiera distributiva con uno sguardo particolare all’autoriparatore”.

 

Anticipare le esigenze dei motori di domani. E’ un po’ la mission che caratterizza Dayco. Per far ciò, è quanto mai necessario investire in ricerca di materiali e nello sviluppo di soluzioni innovative. Come si muove l’azienda su questo fronte?


Dayco ha da sempre investito molto in innovazione e ricerca. I nostri uffici tecnici e laboratori, in collaborazione con le principali case costruttrici mondiali, sono alla continua ricerca di soluzioni che prevedono, oltre ad un miglioramento delle performance dei prodotti, un progressivo abbattimento dei consumi e delle emissioni dei motori. I risultati sono soddisfacenti e confermati da alcuni riconoscimenti quali ad esempio l’essere il fornitore esclusivo del sistema di distribuzione del motore dell’anno 2012 e 2013, il Ford Ecoboost 1.0L 3 cilindri equipaggiato con sistema Bio, tenditore e cinghia a bagno d’olio.

 

Proprio sul campo innovazione, l’impresa ha presentato di recente, ad Autopromotec 2013, le molle ad aria realizzate da Vibracoustic/ Aircruise. Ci spieghi il plus di questo prodotto ed a quale mercato di settore si rivolgono…


Questo, come ogni altro prodotto Dayco, si rivolge a tutti gli operatori di mercato che ne facciano richiesta. Sarà distribuito attraverso la nostra rete distributiva classica. Il lancio del prodotto è stato accompagnato dal relativo catalogo delle molle ad aria che si identificano sul mercato con il brand Aircruise powered by Dayco e prodotte da Vibracoustic, premium brand tedesco top leader di mercato in questo tipo di componenti. La gamma, composta di 400 codici, trova applicazione nel segmento dei prodotti heavy duty, camion, autobus e rimorchi.

 

Analizziamo ora il lato business. Lei è responsabile vendite per l’Italia. Quale posizione di mercato ha Dayco su scala nazionale?


Dayco su scala nazionale, ma anche a livello europeo, è il principale produttore di componenti per il sistema di trasmissione, in termini qualitativi e quantitativi, sia per il settore auto che per il settore veicolo pesante.


E quali obiettivi commerciali intende raggiungere l’azienda durante l’anno?


I nostri obiettivi sono la continua crescita, anche in un contesto economico non particolarmente favorevole, il continuo miglioramento dei servizi messi a disposizione dalla filiera distributiva con uno sguardo particolare all’autoriparatore. E’ infatti dedicata all’autoriparatore l’area garage del nostro sito www.dayco.com, come canale di comunicazione privilegiato. Il lancio e il successivo consolidamento della gamma Air Spring è sicuramente una delle attività sulle quali quest’anno dedicheremo molta attenzione.

 

In base all’esperienza di top brand che ricopre Dayco, oggi, a suo avviso, nel comparto aftermarket automobilistico cos’è che fa la differenza?


Innovazione, dinamicità commerciale, flessibilità, servizi post vendita sia tecnici che commerciali, oltre alla coerenza del posizionamento prezzi rispetto all’originale.


Nel post vendita è molto importante il supporto alla filiera distributiva. Noi suddividiamo questo supporto in due macro argomenti: il primo di tipo commerciale, inteso come posizionamento prezzi consigliati “in uscita”, proposta di azioni commerciali locali, affiancamento alla forza vendita, presenza attiva agli eventi del cliente, disponibilità di materiale per i punti vendita come brochure, espositori, materiale informativo in genere. Il secondo, e per questo non di secondaria importanza, è invece di tipo tecnico. Intendo corsi di formazione specifici sul prodotto, sia per i meccanici sia per i magazzinieri, divulgazione di informazioni tecniche sul prodotto, assistenza tecnica completamente gratuita via email e via telefono ai meccanici nonchè affiancamento alla figura tecnica del ricambista che ne faccia richiesta.

Commenta