18.8 C
Napoli
mercoledì, 22 Maggio 2024
  • Assicurazione auto in detrazione? Ecco come fare

    Assicurazione auto in detrazione

    Forse non tutti sanno che vi è la possibilità di portare in detrazione alcune quote dell’assicurazione sull’auto, rispetto alle voci non obbligatorie.

    Ovvero quelle che non hanno nulla a che fare con la RC auto di base.  Vediamo quali sono questi premi assicurativi che possono essere detratti direttamente in fase di dichiarazione dei redditi, conoscendone i vincoli.  Specificandolo nel modello 730, è possibile cioè ottenere un rimborso del 19% direttamente sotto forma di sconto IRPEF.

    Assicurazione auto: quali le detrazioni possibili?

    Secondo l’articolo 15 infatti al comma 1 si legge che è possibile la detrazione del 19% dell’importo complessivo per i premi assicurativi che hanno come oggetto il rischio di morte e invalidità permanente non inferiore al 5%.

    Nel dettaglio, si possono scaricare quindi: le polizze infortuni del conducente, che copre il guidatore in caso di morte o invalidità permanente in caso di incidente stradale grave; il rischio morte, che copre i familiari del contraente in caso di decesso improvviso; l’invalidità permanente, a favore del contraente che potrebbe subire un danno irreversibile a causa di un grave incidente, mentre è alla guida.

    E’ sempre opportuno comunque leggere quanto riportato direttamente sul contratto.

    Dal 2020 tuttavia, la detrazione spetta solo se vengono utilizzati mezzi di pagamento tracciabile e comunque solo per chi ha un reddito complessivo entro i 120 mila euro. Progressivamente la detrazione diminuisce e si azzera dopo i 240 mila euro.

    Inoltre, l‘assicurazione dell’auto aziendale può essere considerata come un costo deducibile ai fini fiscali perle imprese e i liberi professionisti che utilizzano il veicolo per scopi legati all’attività lavorativa (si parla infatti di bene strumentale).

    Questo significa che le spese sostenute per l’assicurazione del veicolo aziendale possono essere dedotte dal reddito d’impresa o professionale per ridurre l’imponibile fiscale.

    In merito poi alla detrazione dell’assicurazione auto con partita iva, i liberi professionisti possono dedurre i costi nel calcolo del proprio reddito professionale, a patto che l’auto sia utilizzata prevalentemente per esigenze legate all’esercizio della professione.

    È fondamentale che vi sia una documentazione adeguata che attesti l’utilizzo professionale del veicolo per giustificare la deduzione fiscale.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie