17.5 C
Napoli
domenica, 19 Maggio 2024
  • SDVerse, piattaforma B2B per il software automotive

    SDVerse, piattaforma B2B per il software automotive

    OEM e fornitori insieme per SDVerse

    Non è certo da oggi che il software sia diventato centrale per l’automotive e i veicoli: questo ruolo-cardine si è così rafforzato da far nascere SDVerse, piattaforma B2B che riunisce sviluppatori e compratori.

    I fondatori sono General Motors, il fornitore globale Magna e la società di servizi tecnologici e consulenza Wipro Limited. A questi si sono aggiunti altri nomi molto noti quali Ampere, la divisione elettrica di Renault, Forvia (un big player del settore nato dall’unione fra Hella e Faurecia), Valeo, NXP Semiconductors, il componentista e fornitore di software HL Mando e altri ancora.

    SDVerse mira a rivoluzionare il processo di approvvigionamento del software automobilistico fornendo una piattaforma nella quale si possano incontrare acquirenti e venditori di software automobilistico embedded. A differenza dell’approccio tradizionale nello sviluppo del software “vincolato”, SDVerse si concentra sulla connessione fra acquirenti e venditori di software automobilistico attraverso una piattaforma digitale trasparente: gli sviluppatori possono elencare le caratteristiche del loro software e gli acquirenti riescono a cercare facilmente il software più adatto “sfogliando” un catalogo completo.

    SDVerse è attualmente in fase di sviluppo e si prevede che presenterà centinaia di software automobilistici e tutti gli esponenti della catena del valore del settore automobilistico sono invitati a partecipare, un invito già raccolto dai nomi noti visti prima.

    Harmeet Chauhan, responsabile globale di Wipro Engineering Edge, spiega così i motivi che hanno portato alla creazione di ADVerse: “Si stima che il mercato del software automobilistico raddoppierà in questo decennio, superando potenzialmente la crescita dei talenti in questo settore. L’attuale sistema per la creazione di questi software probabilmente non riuscirà a superare questo divario crescente senza sacrificare sia la redditività sia le aspirazioni dell’industria automotive per i software defined vehicles. SDVerse affronta questi punti critici, offrendo vantaggi a tutto il settore”.

    I vantaggi della piattaforma SDVerse

    I fondatori della piattaforma online SDVerse promettono diversi vantaggi agli associati, quali la riduzione di costi, tempi e complessità grazie all’eliminazione di inutili sforzi di “duplicazione”, consentendo il riutilizzo di software già sviluppato e maggiori economie di scala raggruppando gli ordini di software di più clienti.

    Il software stesso avrà maggiore qualità, dato che sarà sottoposto a più cicli di test e validazione. Questo approccio aumenterà poi la concorrenza, spingendo in alto la qualità dei veicoli. Una migliore allocazione delle risorse consentirà agli OEM e ai fornitori di utilizzarle per innovare nelle aree che migliorano e differenziano le esperienze di guidatori e passeggeri, minimizzando il tempo impiegato a crearle. Gli sviluppatori avranno maggiori entrate grazie a una base clienti più ampia e a nuove opportunità per monetizzare la proprietà intellettuale già esistente. L‘approvvigionamento del software cambierà, con le aziende che riusciranno a procurarsi il software separatamente dall’hardware e avranno un’interessante alternativa all’internalizzazione dello sviluppo software.

    Konstantin Shirokinskiy, partner di Roland Berger, azienda che è stata consulente strategico del progetto sin dall’inizio, ha evidenziato che “SDVerse offre a OEM e fornitori un modo più efficiente per soddisfare le loro esigenze di software integrato. Le attuali scarse risorse di ingegneria del software necessarie per implementare nuove funzionalità software saranno impiegate con più efficienza, migliora i tempi di sviluppo dei veicoli definiti dal software e garantisce che il software stesso venga valutato più adeguatamente. Le aziende potranno ottimizzare le proprie operazioni, diventando più mirate, efficienti e redditizie”.

    Anche Dan Nicholson, Vice President of Strategic Technology Initiatives in General Motors, evidenzia come questo “mercato per il software sia un marketplace indipendente e orientato all’embedded software. Esso amplia in modo significativo l’accesso alle innovazioni, contribuendo a ridurre i costi e consentendo ad aziende come GM di implementare software critici più rapidamente”.

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie