23.3 C
Napoli
venerdì, 24 Maggio 2024
  • Ricambi auto storiche, un mondo complicato e affascinante

    Auto storiche - Ricambi

    I ricambi auto storiche e il restauro

    Alcune automobili del passato sono ormai miti e fanno parte del patrimonio culturale di un Paese mentre altre sono meno famose ma non per questo meno amate dai collezionisti: in ogni caso i ricambi auto storiche sono essenziali perché la già lunga storia di questi veicoli possa andare avanti ancora più a lungo. Ricordiamo che il restauro è “un’operazione più o meno invasiva che si propone di riportare il più possibile il veicolo alle sue condizioni originali affinché possa essere messo in strada e muoversi autonomamente”, un’attività che interessa sempre più italiani.

    La cosa può prevedere anche la ricostruzione di una parte, per esempio un parafango così corroso da non risultare recuperabile o guarnizioni che, anche se reperibili rigorosamente originali, sono da non utilizzare perché ormai degradate nella loro elasticità e capacità di tenuta. Il cercare ricambi è oggi un’operazione che ha un forte sostegno da Internet e delle riviste specializzate ma il tutto va fatto con un minimo di attenzione per evitare frodi e imbrogli. Anche i numerosi mercatini, manifestazioni e raduni sono altrettante occasioni per trovare ricambi auto storiche.

    Il riuscire a reperire i disegni originali è molto importante anche perché spesso lo stesso componente è stato usato da altri costruttori; questo permette di allargare la ricerca di un pezzo a diversi marchi, rendendone più facile il reperimento. Un altro vantaggio è che eventuali opere di adattamento sarebbero così poco rilevanti da non far considerare alterata l’autenticità del componente. È da ricordare che esistono operatori aftermarket specializzati nei ricambi auto storiche: possono trovare una parte originale, adattarla e persino ricostruirla a partire dai disegni e/o dal pezzo ormai irrecuperabile. Gli esperti consigliano, durante la rimozione dei pezzi, di documentare ogni operazione di smontaggio con appunti, video e fotografie presi prima e dopo la rimozione delle parti. È inoltre fondamentale etichettare le parti rimosse e conservarle con cura: questa attività può sembrare noiosa ma faciliterà molto la ricostruzione del veicolo.

    Sono molte le attività connesse ai ricambi auto storiche

    Si consiglia inoltre cautela nello smontaggio: è quasi inevitabile che le parti molto corrose si rompano ma vanno comunque salvate come riferimento per gli eventuali ricambi. Lo smontaggio dell’impianto elettrico è un processo delicato ed è importante avere tutti i dettagli, dallo schema elettrico all’instradamento dei cavi, eventualmente ricavabile in loco con foto e disegni. In mancanza di questi schemi si possono creare dei diagrammi, includendo tassativamente il colore dei vari cavi, dei quali va ovviamente controllato lo stato dell’isolamento e la saldezza dei connettori.

    A proposito di impianto elettrico, la calotta del distributore di accensione (spinterogeno) è una delle parti più fragili – i materiali con i quali è fatta si degradano con il tempo – ma, per fortuna, la si può ricostruire identica all’originale con una stampante 3D. È inoltre possibile, anche se un po’ eretico, installare uno spinterogeno simile all’originale ma dal funzionamento elettronico: è una modifica che aggiunge affidabilità e migliora sicuramente la regolarità di funzionamento; questi componenti generalmente permettono di scegliere fra varie curve d’anticipo e alcuni sono mappabili, dando la possibilità di impostare un anticipo personalizzato.

    Altri ricambi auto storiche che possono creare qualche grattacapo sono accessori e strumentazione. Riguardo quest’ultima fortunatamente esistono operatori aftermarket e fornitori esperti che possono ripristinare gli strumenti, sia nel loro funzionamento sia nell’aspetto. Nel caso disperato di quadrante rotto lo si può rifare in 3D mentre è possibile ricostruire un quadrante illeggibile fotografandone uno in buono stato, elaborando le immagini e ricavando così un nuovo sfondo perfettamente intelligibile. Vi sarete resi conto che il reperimento di ricambi auto storiche è un’attività quantomai multiforme, nella quale è consigliabile affidarsi a uno specialista aftermarket. Si possono ricostruire ingranaggi dei cambi e relative forcelle di selezione delle marce, fondere maniglie in Zama, inserire canne nei monoblocchi, guarnire con nuovo materiale d’attrito una frizione e così via. Anche se si trovano i ricambi auto storiche originali essi potrebbero aver bisogno di un ritocco, una pulizia a fondo e così via, lavori che un professionista è abituato a fare.

    Ultima raccomandazione: anche le automobili storiche sono soggette alla scorrettissima pratica dello “schilometraggio” e vanno quindi valutate con attenzione.

     

    ARTICOLI CORRELATI

    Ultime notizie