Sicurezza e salute

Sassari: vecchietta ultra ottantenne percorre 7km contromano

Succede a Sassari. Una signora sull’ottantina di ritorno da una serata in compagnia di alcune amiche, col vento ‘contrario’ causa mal tempo e pioggia, imbocca la Statale 291 (la ‘quattro corsie’ che collega i due centri) contromano.

Probabilmente le cattive condizioni meteo non l’hanno aiutata a capire che avesse sbagliato senso di marcia. Così la temeraria vecchina percorre ben 7km finchè, incrociata dalla polizia stradale, non è stata fermata. Gli agenti, con un tempismo perfetto, sono riusciti ad evitare il peggio prima che raggiungesse il punto più pericoloso dell’arteria viaria.

E’ soltanto uno dei tanti casi di distrazione alla guida legati quasi sicuramente all’età che avanza.

Le cause sono legate alla scarsa attenzione e le deboli prestazioni fisiche, quindi riflessi poco pronti. Il Congresso Nazionale della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria (SIGG), ha effettuato una ricerca sulla questione. Secondo il SIGG sarebbe bene valutare (ed applicare) delle regole più rigide rispetto a quelle in vigore, per capire chi è idoneo al rinnovo della patente e chi invece è preferibile che faccia da passeggero piuttosto che da 'pilota'.

Il Codice della Strada

prevede che la patente di guida venga rinnovata ogni 10 anni fino all’età di 50 anni, dai 70 in poi ogni 5 anni e dopo gli 80 anni la valutazione va fatta ogni 2 anni. In un anno si contano circa mille vittime dovute ad incidenti stradali di cui il 40% ha più di 75 anniGiuseppe Paolisso, Presidente SIGG, ha affermato che “per poter guidare sicuri è importante essere certi che vista e udito siano a posto, ma soprattutto fare maggiore attenzione se si assumono farmaci che possono modificare in qualche modo percezioni e tempi di reazione.”

Dunque le visite di rinnovo della patente, a partire dalla giovane età, devono essere prese sul serio e fatte con scrupolosità. Specialmente quando si tratta di anziani alla guida che possono rappresentare un pericolo per gli altri, ma soprattutto per se stessi. Giusto il rinnovo oltre gli 80 anni fin quando la persona sente di potersi mettere alla guida, sbagliato dichiarare condizioni fisiche e mentali idonee senza effettuare una visita completa.

 

A cura di: Costanza Tagliamonte

Commenta