Ricambi auto

Da 0 a Tecneco: il salto di qualità nell’aftermarket

Antonio Pino, founder TecnecoDai banchi di scuola ad imprenditore di successo. Questo, in sintesi, il percorso professionale compiuto da Antonio Pino (nella foto): l’uomo che nel lontano 1967, dopo una prima esperienza come maestro elementare, fondò la Tecneco. Oggi un’azienda di eccellenza del Mezzogiorno d’Italia specializzata nella progettazione, produzione e commercializzazione di filtri aria, filtri olio, filtri carburante e filtri abitacolo per automobili, veicoli commerciali leggeri, mezzi agricoli e industriali. Certo i primi passi compiuti nel settore non sono stati facili come ogni neo storia aziendale. Ma il desiderio, la perseveranza, il rischio d’impresa del patron hanno portato l’azienda nel tempo a diventare la realtà consolidata che oggi rappresenta. I numeri parlano chiaro: partiti con la progettazione di filtri per la Fiat, Tecneco ha ampliato notevolmente la sua gamma ed ora vanta un catalogo di oltre 2500 codici. Significativa anche la posizione di mercato: copre l’aftermarket internazionale, esportando in 45 Paesi del mondo. La factory leccese ha chiuso anche ottimamente il 2018, registrando un incremento di quasi il 10 per cento sull'aftermarket Italia e del 3 per cento su quello export. Tra i progetti futuri: un nuovo stabilimento produzione filtri aria, un nuovo magazzino centralizzato per oltre 4500 metriquadri, il potenziamento ulteriore della gamma filtri asiatici NISHIBORU  ed inserimento gamma filtri cambio automatico. Segni evidenti di una crescita frutto di manovre manageriali attente ed oculate, firmate anche da un positivo passaggio generazionale in corso.

Stefano Belfiore

 

Commenta