Ricambi auto

E la batteria non si scarica più durante la diagnosi dell’auto

Da Intec 2 nuovi caricabatteria: ideali per il lavoro in officinaIntec, distributore in esclusiva per l’Italia dei caricabatteria CTEK adottati dalle più prestigiose case costruttrici di veicoli, presenta i nuovi CTEK PRO25S e CTEK PRO25SE. Due modelli di caricabatterie pensati specificamente per un uso professionale. Questi strumenti sono in grado di evitare che la batteria si scarichi durante l’assistenza o la diagnosi del veicolo e possono lavorare alla massima potenza a lungo.  I nuovi modelli CTEK, caricabatterie e alimentatori da 25A progettati per garantire una carica sicura e rapida, sono adatti a essere utilizzati con qualsiasi tipo di batteria per veicoli a 12V: piombo acido, calcio, GEL, AGM, EFB e Litio-Ferro-Fosfato (LiFePo4) - da 40Ah fino a 500Ah. E integrano nuove funzionalità che ne consentono l’impiego anche con le vetture più moderne. In particolare, questi nuovi caricabatterie CTEK offrono una migliore gestione della carica delle batterie AGM e EFB grazie al nuovo algoritmo inserito nel programma “Normal” e vantano un programma Litio dedicato per poter intervenire su tutte le batterie con tecnologia LiFePO4 che stanno cominciando ad affacciarsi sul mercato dell’auto.  CTEK PRO25S e CTEK PRO25SE dispongono anche di un programma di ricondizionamento delle batterie al piombo acido che ne ripristina la capacità e le ricondiziona qualora fossero profondamente scariche. In più, sono entrambi dotati della modalità SUPPLY, sviluppata appositamente per le operazioni di diagnostica o di ricerca dei guasti.  Una caratteristica distintiva è la scheda madre di cui gli strumenti dispongono che, grazie alla sua grande efficienza, permette di sviluppare meno calore e di conseguenza richiede un ridotto intervento della ventola di raffreddamento. Questo fa sì che i nuovi CTEK siano in grado di erogare più a lungo la potenza massima di 25A durante le operazione di flash e diagnosi, superando un limite spesso riscontrato durante il lavoro in officina.

Commenta